Home Spettacolo Gossip Claudia Schiffer e le foto per Salvatore Ferragamo

Claudia Schiffer e le foto per Salvatore Ferragamo

La sempre splendida Claudia Schiffer ha recentemente posato per la nuovissima campagna fotografica primavera – estate 2010 di Salvatore Ferragamo: ciò che spicca è la solita eleganza, finezza e raffinatezza, con la quale la bellissima top model tedesca si mostra in una serie di scatti, tutti realizzati dal grande fotografo di moda peruviano Mario Testino.

Claudia, super star internazionale, riconosciuta dal mondo intero come una delle maggiori interpreti di un’indiscussa bellezza, per così dire, “ariana”, dopo gli esordi, che fin da subito la vedono estremamente simile a Brigitte Bardot, raggiunge l’apice del successo, nel corso degli anni Novanta, periodo nel quale si cimenta nella realizzazione di una lunga serie di progetti e spot, che le consentono di diventare una delle principali icone della moda nel mondo: le statistiche la vedono partecipe di oltre 700 copertine dedicate in suo onore, numeri record che vengono certificati anche dal Guinnes dei primati.

Oggi, dopo decenni d’indiscutibile successo a livello planetario, la Schiffer torna a posare per la nota azienda fondata nel lontano 1928 dal signor Ferragamo ed ora nelle mani di figli, nipoti e manager esterni del calibro di Michele Norsa, che attualmente funge da amministratore delegato della società.

Come detto, il servizio, realizzato dall’esperienza del famosissimo fotografo Mario Testino, mostra i panni di una splendida Claudia Schiffer, intenta a farsi fotografare, all’interno di un’elegante stanza d’albergo, circondata da scarpe; inoltre, l’impeccabile volto della biondina tedesca conosciuta in tutto il mondo, si diverte ad assumere tratti espressivi, che paiono volerla far sembrare colpevole di un certo qualcosa d’indefinito.

Quest’ultimo spot, nel quale Claudia si fa immortalare, indossando un delicatissimo abito bianco a mezze maniche, con degli eleganti bracciali ai polsi e un paio di scarpe scure con la zeppa, la fa apparire come una specie di dea, intenta a fissare con malizia e spregiudicatezza un obiettivo, desideroso di renderla sempre più bella.

Alice Sommacal