Haiti: la solidarietà attraversa la rete, da Facebook e Twitter tre milioni di dollari

La solidarietà passa attraverso la rete. I noti social network Twitter e Facebook sono riusciti a raccogliere tre milioni di dollari per la popolazione colpita dal sisma ad Haiti.

I social network in questi giorni hanno fornito un contributo molto importante per la diffusione delle informazioni sul sisma. Sono stati inoltre postati molti video e sembra che le prime notizie siano state diffuse da Twitter. Su Twitter, tra l’altro, hanno digitato anche personaggi noti al pubblico quali l’attore Ben Stiller e campioni come Lance Armstrong.

Questa vocazione alla solidarietà dei network globali è stata particolarmente apprezzata dalla Croce Rossa internazionale, che si sta mobilitando per gli aiuti. “Si ‘e trattato di un record“, ha detto  Wendy Barman, social media manager dell’organismo umanitario, ai microfoni della CNN.

I social network stanno svolgendo un ruolo importante anche nella circolazione di notizie sui dispersi, e si assiste anche al proliferare di gruppi dedicati. Il più grande, Earthquake Haiti, ha già raggiunto più 130.000 iscritti. Il ruolo dei gruppi è di particolare utilità per l’aggiornamento in tempo reale sulla situazione delle singole persone coinvolte dal sisma. I parenti in tal modo comunicano con la rete alla ricerca di notizie sui propri cari, e in tal modo si attiva un circuito globale molto utile per la ricerca di dispersi e psicologicamente molto importante per chi ancora non ha sentito amici e parenti in loco.

Su facebook, inoltre, è stato rispettato un silenzio di 5 minuti per la commemorazione delle vittime del terremoto: questa sera l’attività del popolo della rete si è fermata alle 21.45 per ricordare le vite umane perse che si sono spente tra le macerie.

Loredana Spedicato