Calcio, Inter – Mourinho elogia i suoi: “Siamo primi? Me lo aspettavo”

José Mourinho, 46 anni, tecnico dell'Inter

Conferenza stampa di José Mourinho alla vigilia della trasferta di Bari, gara in programma domani sera al San Nicola. Per lo Special One è il momento di tirare le somme dopo il girone d’andata: “Siamo primi con 45 punti, me lo aspettavo. La mia idea era che al termine delle partite di andata avremmo avuto tra i 40 e i 47 punti, e così è stato”.

In vista della trasferta in terra pugliese, l’Inter continua ad avere i soliti problemi di formazione, soprattutto a centrocampo. Mourinho conta di recuperare almeno uno tra Muntari e Cambiasso, in caso contrario riproporrà lo schieramento con due soli mediani e quattro uomini d’attacco: “A differenza del centrocampo, in attacco ho molti giocatori disponibili e stanno tutti bene. Potrei schierare contemporaneamente Quaresma, Pandev, Milito e Balotelli”.

Il tecnico dell’Inter si è poi voluto soffermare sui due giovani dell’Inter, Balotelli e Santon, spendendo belle parole per entrambi. Su Balotelli: “Tante volte mi son dovuto ricredere sul suo conto, sia in senso positivo che in senso negativo. Nella partita contro il Chievo l’ho visto molto bene, quando gioca così diventa un potenziale titolare e può spingere l’allenatore a cambiare modulo in funzione delle sue caratteristiche”.

Belle parole anche per Santon, le cui condizioni fisiche sono per altro in netto miglioramento: “Se, dopo il grave incidente di Chivu, non siamo andati sul mercato a cercare un altro terzino sinistro, è proprio perché abbiamo grande fiducia in lui. Davide deve solo concentrarsi sul suo lavoro qui all’Inter, impegnandosi sempre al massimo in allenamento, senza pensare alla Nazionale. Prima di vestire di nuovo la magia azzurra dovrà ritrovare un certo equilibrio, nelle sue ultime apparizioni sembrava preoccuparsi solo della fase offensiva, ma un terzino deve prima di tutto saper difendere”.

Dopo i complimenti di rito ai prossimi avversari (“Il Bari sta giocando ad alti livelli dall’inizio del campionato, merita la classifica che ha”), Mourinho ha escluso che il Milan sia l’unico antagonista di quest’anno: “I rossoneri stanno attraversando un buon periodo, ma per me sono ancora in corsa sia la Juve che la Roma”.

Ultima battuta sul mercato: sembra che sia in procinto di concludersi la trattativa per Julio Baptista. Mourinho è fatalista: “Se arriva un giocatore che a centrocampo può dare equilibrio e permetterci di fare un po’ più di turn over, ok. Se non arriva, stiamo così”.

Pier Francesco Caracciolo