Calcio, Milan – Galliani tranquillo in vista del derby: “E’ una gara come le altre”

Adriano Galliani, 65 anni, amministratore delegato del Milan

Preoccupazione in vista del derby del prossimo 24 gennaio? Macchè. Adriano Galliani è tranquillissimo, o almeno questo è quello che vuol dare a vedere. Intervistato al suo arrivo in Lega per la riunione odierna del Consiglio, l’amministratore delegato rossonero è stato chiaro: “Ma quale tensione! Sarà solo un Inter-Milan, cioè una partita che si gioca ormai da 102 anni”. Ma allora, gli è stato chiesto, il Milan non crede più allo scudetto? La risposta questa volta è di pura scaramanzia: “Ma no, il Milan non crede più a niente…”.

Galliani ha poi voluto ufficializzare il trsferimento di Storari alla Sampdoria, spiegando le ragioni di questa operazione: “L’unico motivo per cui non avevamo ancora ceduto il giocatore era che Abbiati non ha ancora giocato neanche un minuto quest’anno. Sono però stato rassicurato sulle sue condizioni, e ho quindi avallato il trasferimento”.

Discorso opposto per Huntelaar, che non si muoverà da Milanello: “Il mercato del Milan è chiuso – le parole di Galliani – , anche il centravanti olandese rimarrà fino a fine stagione”.

Riguardo alle condizioni di Pato, che potrebbe saltare anche il derby, l’amministratore delegato rossonero non ha voluto sbilanciarsi: “Non faccio il medico, non so quanto tempo ci vorrà per recuperarlo. Mi pare comunque che il Milan non sia l’unica squadra con alcuni giocatori infortunati. Le altre big del campionato, Inter e Juventus, sono messe come o peggio di noi”.

Galliani è rimasto poi molto colpito dall’entusiasmo dei tifosi del Novara, presentatisi in 12.000 allo Stadio Meazza per vedere la partita di Coppa Italia di mercoledì scorso: “E’ stato proprio bello vedere l’entusiasmo dei tifosi novaresi, soprattutto in un momento in cui gli stadi vanno pian piano svuotandosi. E non dimentichiamoci che si giocava alle quattro del pomeriggio, orario di lavoro per molti”.

Chiusura su David Beckham, con tanto di dedica speciale: “E’ un uomo e un calciatore fantastico, sicuramente quello che corteggio di più. Per lui le porte del Milan sono e saranno sempre aperte”.

Pier Francesco Caracciolo