Esplode la polemica tra maggioranza e opposizione per le web tv

Paolo Gentiloni

L’informazione e, in accezione più estesa, il mondo televisivo è ormai da più di un decennio fonte di continue polemiche e di contrasti politici. Molti vedevano nella diffusione di internet nel Paese la possibilità di garantire la pluralità di informazione e, con l’andare del tempo, di superare i limiti imposti dal mezzo televisivo.

Invece la polemica sta per riesplodere e questa volta si parla proprio delle tv che trasmettono via web. La questione si ricollega al decreto Romani, già nell’occhio del ciclone per il tetto pubblicitario imposto all’emittente a pagamento Sky. La polemica è riesplosa nei giorni scorsi in occasione della presentazione del decreto alla Commissione Cultura e Trasporti per un parere non vincolante.

Parlamentari dell’opposizione hanno denunciato il fatto che, a loro parere, tale decreto porrebbe delle severe restrizioni alla trasmissione delle web tv. In particolar modo l’aspetto più critico riguarderebbe il fatto che tali televisioni di nuova generazione sarebbero sottoposte, come le televisioni che adottano forme più tradizionali di diffusione del segnale, all’autorizzazione ministeriale per poter trasmettere, nonché ad altri passaggi burocratici. Inoltre il Garante delle Comunicazioni sarebbe tenuto ad irrigidire il controllo del rispetto del diritto d’autore per quanto concerne la trasmissione di video.

Paolo Gentiloni, deputato del PD, ha affermato che il decreto in questione: “sottopone la trasmissione di immagini sul Web a regole tipiche della televisione e a una preventiva autorizzazione ministeriale, con una incredibile limitazione dell’attuale modalità di funzionamento della rete”. Anche UDC e IDV si sono schierati nei giorni scorsi contro il decreto Romani.

La polemica tra maggioranza ed opposizione è destinata a salire di tono per la nota questione del conflitto di interessi del premier Silvio Berlusconi. La comunicazione via internet, che è fruita in larga parte dalle nuove generazioni, rappresenta un tema su cui si giocano parte degli equilibri politici futuri.

Valeria Panzeri