Facebook: domani oltre 120mila mobilitati contro il razzismo

“Manifestazione antirazzista di massa contro il razzismo”. Si chiama così l’evento, organizzato dal movimento virtuale “No Lega Nord Day”, che ha già raccolto oltre 120mila adesioni certe (alle 16 e 40 di oggi), mentre altri 50mila utenti hanno detto che “potrebbero partecipare” alla manifestazione.

La nuova frontiera di Facebook riguarda, quindi, le mobilitazioni virtuali: domani, sabato 16 gennaio, infatti, tutti gli  utenti che aderiranno alla manifestazione scriveranno sulla loro bacheca un messaggio prestabilito contro il razzismo.
“Diverso…perché? – recita il messaggio scelto per la manifestazione – Straniero…dove? Altro…quando? Siamo tutti parte del medesimo respiro. Smettiamo di accettare, per ignavia, l’esclusione e l’invenzione di nuove differenze. Non respingere, Accogli!
NO.R.D. DAY Milano 6 marzo 2010 ore 14.oo No razzismo! No omofobia! No xenofobia!“.

Nel corso della giornata, con questo metodo, tutti gli utenti che parteciperanno informeranno in tempo reale i loro amici della mobilitazione in corso, permettendo un rapido passaparola dell’iniziativa. Domani sera, volendo fare delle previsioni, potrebbero esserci oltre 200mila utenti del social network a lanciare il loro messaggio contro il razzismo.

“Chi sono i promotori? Gente comune: – spiegano in un comunicato gli organizzatori di “No Lega Nord Day” – un giornalista disoccupato, una cameriera, un professore, impiegati, operai e 22.000 affezionati frequentatori e attivisti del gruppo faceboochiano “No Lega Nord Day”, lo zoccolo duro di questa mobilitazione antirazzista. Un nome, quello dato a questa aggregazione, che non nasconde certo un intento apertamente ostile alla politica sostenuta dalla Lega Nord e dal governo in tema di immigrazione e di diritti dei migranti“.

Come detto la mobilitazione virtuale si trasferirà nelle piazze reali il prossimo 6 marzo, con un corteo nazionale a Milano che sarà aperto dalla scritta “NO.R.D.”, acronimo di “No Racism Day”, con partenza da Piazza Fontana alle 14.30 e arrivo in Piazza Castello.
Gli organizzatori, in ogni modo, hanno espresso l’intenzione di incontrare anche i promotori dello sciopero generale dei lavoratori immigrati, previsto per il primo marzo, con l’auspicio di collaborare al raggiungimento del comune obiettivo di lotta ad ogni forma di razzismo, istituzionale e non.

Mattia Nesti