I figli delle star ricoperti d’oro

Sono abbastanza esigenti le figlie ed i figli delle star mondiali. Paparazzati, viziati, circondati di ogni lusso e benessere; piccole icone già idoli di coetanei che sognano di vivere le loro vite sopra le righe, ma veniamo ai numeri.

La “paghetta” settimanale della figlia di Madonna è di ben 11.000 dollari, mentre per la bimba di Tom Cruise sono “solo” 1.000 e vengono spesi quasi tutti in videogames.  Il primogenito della coppia B. Pitt A. Jolie, Maddox, raccimola circa 5.000 euro ma viene battuto dai due figli di Julia Roberts che arrivano ad 8.000 settimanali a testa. Lil Grace, figlia di Kate Moss, riceverebbe 8.000 pounds, mentre il figlio di Arnold Schwarzenegger sembrerebbe poco foraggiato tanto da decidere di far pagare l’ingresso alla sua festa di compleanno per recuperare quattrini.

Maria Lourdes, oltre a ricevere la cospiqua cifra di 11.000 euro che spenderebbe in vestiti ed accessori, ha già uno stylist personale, usa prodotti di bellezza costosissimi e va a scuola in limousine.

Katie Holmes e Tom Cruise per l’educazione della piccola Suri spendono 1 milione di dollari all’anno. La ragazzina di soli 3 anni segue corsi di spagnolo e francese, e data la sua passione per la danza nata grazie ad un videogioco riceve due lezioni private a settimana da un “certo” Michail Baryshnikov, ballerino russo di fama mondiale.

Jada Pinkett e Will Smith si sarebbero invece ingegnati per inventare un metodo in modo da dare ai figli una consapevolezza del valore del denaro. Jaden di 11 anni e Willow di 9 hanno la possibilità di scegliere che tipo di acquisti fare, ma solo se si impegnano anche a pagarli. La madre Jada sarebbe la cassiera della banca alla quale i bambini devono richiedere il denaro, ma solo tramite una domanda scritta da consegnare allo “sportello”. Un modo per far capire che il denaro ha uno spazio ed una dimensione ben precisi.

Alla Casa Bianca invece, gli Obama, per l’educazione all’uso dei soldi di Malia e Sasha di 10 e 7 anni preferiscono le ricompense, che elargiscono solo ad esecuzione effettiva delle mansioni che quotidianamente affidano loro. Niente paghette a fondo perduto quindi, ma educazione comportamentale che sortisce sempre effetti benefici visto che nella vita il gudagno è sempre bilanciato da uno sforzo produttivo.

P.B