Home Sport

Juventus, Ferrara chiama e Paolucci risponde:“Voglio essere importante”

CONDIVIDI

Classe 1986, il prossimo 6 febbraio compirà 24 anni, cresciuto proprio nelle giovanili della Juventus dove  ha realizzato ben 178 reti  vincendo per due volte il titolo di capocannoniere del campionato Primavera, fa il suo esordio in serie A nella partita Atalanta-Ascoli del 2006 con la maglia della società marchigiana dove l’allora tecnico Nedo Sonetti di lui disse: “Mi sembra Van Basten questo ragazzo.”

Poi un lungo girare per tutta Italia: prima Udine, poi Bergamo, Catania e infine nell’estate del 2009 approda a Siena. Lo scorso 15 gennaio, dal Siena sbarca di nuovo a Torino con la formula del prestito fino al termine della stagione.

Si chiama Michele  Paolucci e con ogni probabilità stasera farà il suo esordio da titolare al fianco di Alex Del Piero  nella partita contro il Chievo dove la Juventus sarà  orfana degli indisponibili Trezeguet e Iaquinta oltre che dello squalificato Amauri.

Ed è proprio Ciro Ferrara a tirargli la volata : L’ho trovato bene, tornare qui per lui è una bellissima soddisfazione. È molto motivato e carico, ci potrà dare una grossa mano. Se abbiamo deciso di richiamarlo, è perché può servire anche per il futuro”.

E lui non si fa trovare di certo  impreparato e a chi gli chiede di commentare la notte magica che lo aspetta al Bentegodi di Verona risponde cosi:”Sarebbe bello lasciare il segno in prima squadra. Dopo aver giocato nella Primavera bianconera mi piacerebbe molto segnare gol importanti. L’esperienza in diverse squadre mi ha fatto bene, sono cresciuto come ragazzo e come giocatore“.

Francesca Ceci

Comments are closed.