Spesa ecologica in Piemonte: se riusi la busta di plastica, ricevi un gratta e vinci

In attesa di conformarsi alla messa in bando definitiva delle buste di plastica nei supermercati, che avvverrà nel 2011, il Piemonte anticipa i tempi e promuove un’interessante campagna incentivante di auto-educazione dei cittadini.

Quello che tra un anno sarà una prassi per tutti i clienti alle prese con la spesa settimanale, cioè portarsi i sacchetti da casa, dal 18 gennaio al 13 febbraio 2010, sarà un primo test pilota per misurare l’attitudine all’ambientalismo dei cittadini piemontesi.

Per incentivare l’operazione, le catene aderenti all’iniziativa, tra cui Coop, Crai, Il Gigante e Conad, premieranno i volenterosi che durante il periodo dell’iniziativa si presenteranno alle casse con un sacchetto di plastica usato o di tela, regalando loro alcuni gratta e vinci per vincere alcuni buoni spesa da spendere fino al mese di marzo 2010.

L’Assessore all’Ambiente Nicola De Ruggiero, commenta: “Nessuna scusa, la borsa si riusa! Premierà i cittadini sensibili al rispetto dell’ambiente e alla riduzione della produzione dei rifiuti, che anticiperanno, con il loro comportamento virtuoso e volontario, il divieto di distribuzione dei sacchetti di plastica monouso in vigore a partire dal 2011.”

Per completare l’azione anti-spreco contro l’uso indiscriminato dei sacchetti di plastica, saranno inoltre allestiti alcuni punti informativi fuori dal supermercato, che distribuiranno ai clienti borse di tela e volantini informativi sulle campagne regionali a favore dell’Ambiente.

Se pensiamo che ogni volta che facciamo la spesa raccogliamo un numero che va dalle 2 alle 5 borse di plastica, spesso non riutilizzate e poi gettate nell’immondizia ancora integre, quest’iniziativa dovrebbe portare risultati immediatamente visibili e un notevole risparmio in termini di plastica da mandare all’inceneritore.

Sarebbe da augurarsi che la stessa cosa capiti presto anche per i packaging in plastica dei prodotti di varia natura in vendita negli scaffali dei supermercati, che già da soli costituiscono una fonte enorme di inquinamento e accumulo di plastica in discarica.

Intanto i piemontesi avranno presto modo di riabituarsi alla vecchia e sana abitudine delle nonne di portare sempre con sè le borse della spesa. Se poi sono di tela, ancora meglio.

Paola Ganci