Beppe Grillo toglierà il suo nome dal Movimento 5 stelle

Lo aveva annunciato in tempi non sospetti e ora sembrerebbe si sia giunti alla prova dei fatti: Beppe Grillo toglierà infatti il suo nome dal Movimento 5 Stelle. I tempi quindi, sarebbero maturi, affinchè il movimento dal basso che ha avuto in Beppe Grillo il suo ispiratore possa camminare con le proprie gambe e senza l’enorme attrattività di cui gode il nome stesso di Beppe Grillo. Una prova di maturità quindi che è al tempo stesso una prova di coerenza con quanto il comico genovese ha sempre affermato.

A rivelare il cambiamento, è stato lo stesso Beppe Grillo, nel corso della presentazione a Piazza Nettuno a Bologna, dell’avvio della raccolta di firme affinchè il Movimento 5 stelle possa presentarsi anche nelle elezioni regionali emiliane. Senza giri di parole Beppe Grillo ha infatti dichiarato: “dopo aver lanciato questo movimento io toglierò il mio nome“. Il movimento 5 stelle diventa quindi oramai adulto e Beppe Grillo ritaglia per sè un ruolo differente rispetto a quello ricoperto fino ad ora: niente nome ma restano suggerimenti e ispirazioni. Del resto è lo stesso comico genovese a sottolineare che lui non sia mai stato il fondatore del Movimento 5 stelle, la cui idea esisteva già nelle menti e nei comportamenti di tante persone ispirate nella loro attività territoriale proprio dalla tesi da sempre sostenute da Beppe Grillo. Al massimo, ha sottolineato Beppe Grillo nel suo intervento “io ho solo coordinato all’inizio il movimento, l’ho lanciato lanciato perchè ero conosciuto, ci ho messo la faccia e forse ci ho rimesso anche la mia carriera“. Parole pesanti che non devono però indurre a pensare ad una sorta di rimpianto da parte di Beppe Grillo che, proprio a proposito delle ripercussioni sulla sua carriera per l’attività del Movimento 5 stelle, afferma di “non importarsene”. Il solco del Movimento 5 stelle resterà quindi immutato: controllo da dentro nelle amministrazioni e risoluzione dei tanti piccoli problemi quotidiani che enti locali sempre più simili ad aziende sacrificano sull’altare di interessi privati.

Enzo Lecci