Giocatore di football USA muore a 26 anni

Il giovane Gaines Adams, che giocava come difensore nella squadra di football americano Chicago Bears, e’ morto a soli 26 anni a causa di un arresto cardiaco. Nella mattinata del 17 gennaio è stato portato d’urgenza all’ospedale di Greenwood, in South Carolina, dopo che la sua fidanzata l’aveva trovato esanime nella sua abitazione. Purtroppo non

Gaines Adams

c’è stato nulla da fare: i medici non hanno potuto fare altro che confermarne il decesso, annunciato ufficialmente alle 8:21 locali. La morte è stata causata da un arresto cardiaco; il primo esame autoptico avrebbe mostrato come il cuore del giovane fosse ingrossato. Il decesso sarebbe stato causato da miocardiopatia dilatativa, una patologia difficile da riscontrare perchè talvolta asintomatica. Essa causa un’anormale dilatazione ventricolare, con conseguente difficoltà del muscolo cardiaco nel pompaggio del sangue. I medici dicono che probabilmente Adams è deceduto nel sonno. Si attendono gli esiti degli esami tossicologici, che saranno disponibili entro due mesi. Il ragazzo aveva iniziato presto a giocare a football: dopo aver militato nella squadra della Clemson University, Adams era stato ingaggiato dai Tampa Bay Buccaneers nel 2007 per poi passare ai Chicago Bears a ottobre 2009.  In questa stagione aveva giocato solo dieci partite. La squadra dei Chicago Bears ha emesso un comunicato per esprimere il proprio cordoglio ai familari dello sfortunato ragazzo: “Siamo sconvolti e rattristati dalla notizia della morte di Gaines. Le nostre preghiere vanno alla sua famiglia in questo difficilissimo momento.”

Elaine Tralli