Per conquistare un uomo addio ai profumi, basta il profumo della propria pelle…

Alzi la mano chi tra le donne  non ha  passato del tempo a decidere  e cercare di scegliere quale profumo potesse essere giusto per un’uscita con un uomo. Quale profumo indossare per fare sicuramente colpo. Ok, lo so siete rimaste tutte con le mani lungo i fianchi, scontato, lo immaginavo. Ore e ore a decidere quale profumo mettere sulla propria pelle, sul proprio collo o sui polsi… Scelta non facile da fare, forse un profumo sbgaliato troppo forte o troppo leggero potrebbe far saltare la serata e lasciare  un ricordo alla nostra presunta vittima non proprio positivo. Meglio il muschio bianco? La violetta?  Il gelsomino?La rosa? E che dire degli aromi esotici e chi più ne ha più ne metta…Tutto tempo sprecato. Infatti dai risultati pubblicati su Psychological Science e condotto dai ricercatori della Florida State University pare che all’uomo piaccia di più l’odore della pelle e l’impronta particoare della sua donna. Già, il livello di testosterone dei maschi cresce in base al profumo rilasciato dalle donne soprattutto nel periodo fertile. Quello che succede negli animali, pare abbia lo stesso effetto sugli uomini. I test sono stati effettuati sottoponendo all’olfatto di alcuni volontari degli indumenti femminili, alcuni indossati ed altri no. Analizzando dei campioni di saliva prelevati da questi soggetti gli studiosi hanno riscontrato che negli uomini c’era un’innalzamento del livello di testosterone dopo aver annusato gli indumenti indossati dalle donne nel periodo dell’ovulazione. Questo odore, infatti, come ha spiegato Saul Miller, coordinatore dello studio, contiene feromoni naturali e segnali chimici che attraggono il sesso opposto. Un comportamento noto e sicuro per gli animali, ma non ancora provato sugli uomini. Ora c’è la prova, quindi, donne se volete conquistare un nuovo uomo o prepare una serata partciolare al vostro compagno basta l’odore della propria pelle…Più seducente di tante e tante essenze costose.

Alessandra Matera