Bagnarsi in acque gelate: epifania ortodossa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:17

La chiesa ortodossa è così che ricorda il battesimo di Cristo nel fiume Giordano. Altro che befane che portano dolci e carbone, per i credenti è una vera e propria sfida di coraggio.
Le temperature polari, dai meno 18 di Mosca agli oltre meno 30 di molte zone siberiane, non hanno impedito a migliaia di russi di tuffarsi nell’acqua gelida per celebrare l’Epifania. La novità di quest’anno sono le fonti battesimali allestite a cielo aperto in piazza della Rivoluzione, a due passi dal Cremlino e dalla piazza Rossa: un modo per consentire ai passanti di compiere il rito nel cuore della capitale, sotto gli occhi di turisti attoniti. Attesi circa 65 mila fedeli per immergersi nella sola Mosca. Si bagneranno per tre volte: nel nome del padre, del figlio e dello spirito santo. Religiosi e osservanti…e il triplo coraggiosi.

Ilaria Salzano