Calciomercato, Inter: offerti 6 milioni alla Lazio per Ledesma

Cristian Ledesma, 27 anni

Il rischio, per il presidente della Lazio Claudio Lotito, è quello di perdere un altro giocatore senza incassare alcuna cifra. Dopo la vicenda Pandev, infatti, la Lazio corre ora il grosso rischio di dover lasciar partire anche Cristian Ledesma a parametro zero. Considerando il fatto che nei confronti di Pandev e Ledesma il presidente biancoceleste ha adottato lo stesso atteggiamento, è facile prevedere che il Collegio Arbitrale, come ha fatto con l’attaccante macedone, libererà l’argentino da ogni vincolo contrattuale con il club biancoceleste.

Approfittando di questa situazione, nell’attesa che il Collegio prenda una decisione (prima udienza il 26 gennaio), il presidente dell’Inter Massimo Moratti sta provando a convincere Lotito a liberarsi del giocatore per una cifra ragionevole, circa 6 milioni di euro. In questo modo il massimo dirigente nerazzurro otterrebbe due risultati: soffierebbe alla concorrenza un giocatore di alto livello, sul quale, nelle ultime settimane, si erano fatte sotto diverse società (Juventus, Napoli e Fiorentina su tutte); inoltre cercherebbe di rimanere in buoni rapporti con la Lazio, evitando un altro sgarbo dopo aver soffiato Pandev a zero euro.

E’ molto probabile che nell’offerta vengano aggiunti alcuni giovani nerazzurri, in prestito o in comproprietà: i nomi più gettonati sono quelli di Khrin, del quale però Mourinho preferirebbe non disfarsi, di Obi e di Destro.

Il procuratore del giocatore, Vincenzo D’Ippolito, ha voluto chiarire che, al momento, il suo assistito non ha preso alcuna decisione per il suo futuro in caso di sentenza favorevole: “Nonostante quello che leggo in giro, non abbiamo preso accordi con nessuno. In questo momento sono in corsa tutti e nessuno”.

“Noi saremmo anche pronti a bloccare il ricorso – ha proseguito D’Ippolito – se Lotito fosse disponibile ad una cessione di Cristian, ma il presidente biancoceleste ha opposto il suo rifiuto. Ora l’importante è che la giustizia faccia il suo corso, sperando che la vicenda si chiuda entro gennaio perchè poi termina il mercato di gennaio”.

Pier Francesco Caracciolo