Regionali Lazio: Michele Baldi a Bonino e Polverini: ”Rinunciamo ai rimborsi elettorali”

Se sulle pagine dei maggior quotidiani la sfida alle prossime regionali è sempre più questione tutta in rosa e a tener banco sono le schermaglie pre-elettorali tra Emma Bonino, candidata del centrosinitra e Renata Polverini del Pdl,  la prima proposta viene da Michele Baldi, del Movimento per Roma, terzo candidato alla presidenza della regione Lazio.

Tra le due litiganti sbuca lui, da molti definito “il terzo incomodo”: romano, laureato in Giurisprudenza, 56 anni da compiere il prossimo luglio, sposato e padre di tre figli, fa il suo esordio col botto e lancia la sfida alle sue avversarie invitandole a rinunciare ai rimborsi elettorali : “Per la Regione è previsto un rimborso di 4 euro per ogni avente diritto al voto- quindi si prendono rimborsi anche da chi non va a votare. È uno scandalo. Sfido  Polverini e Bonino a sottoscrivere un documento per rinunciare a questo rimborso che sarà destinato al sociale e ai servizi ai cittadini. Non penso a togliere voti agli altri, sembrerebbe riduttivo. Io voglio attuare una rivoluzione in nome dell’etica e della responsabilità”.

Lo aveva detto qualche giorno fa e lo ha ripetuto questa mattina dai microfoni di Centro Suono Sport, all’interno della trasmissione radiofonica “Te la do io Tokio” condotta da Mario Corsi.

Dietro alla proposta, dai tratti di sicuro provocatori,  la  richiesta di dialogo oltre che di un impegno comune nell’ottica di un cambiamento che porti ad una politica più responsabile e più attenta alle reali esigenze dei cittadini.

Per ora però tutto tace e Michele Baldi, che rivela, rammaricato e con tono polemico, di  non aver ancora ricevuto risposta da parte di nessuna delle due candidate, non si tira indietro e anzi ribadisce : “ Sono pronto a sottoscrivere anche  subito l’accordo davanti ad un notaio”.

Francesca Ceci