Ispra: i lavoratori scendono dal tetto

E alla fine è arrivato: l’atteso accordo tra il ministero dell’Ambiente e i sindacati dei lavoratori dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) è stato raggiunto ieri sera, segnando la conclusione della faticosa mobilitazione avviata dai precari. Da quasi 2 mesi, infatti, una nutrita rappresentanza di ricercatori era salita sul tetto della sede romana dell’istituto per  richiamare l’attenzione delle istituzioni sui loro contratti in scadenza.

Un presidio iniziato il 24 novembre e che ha spinto molti dipendenti dell’Ispra a rimanere sul tetto anche la notte di Natale. Una sfida contro i disagi e l’indifferenza che però, adesso, sembra essere stata vinta. L’intesa siglata dal ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, e da Cgil, Cisl, Uil, Anpi e Usi-Rdb ha suscitato la soddisfazione di tutte le parti.

“E’ stata un’intesa difficile, sofferta – ha dichiarato il ministro Stefania Prestigiacomo – ma che alla fine credo rappresenti un risultato di cui tutti possiamo essere soddisfatti. È prevalsa  la positiva volontà di tutte le parti di trovare nell’ambito delle leggi vigenti tutte le soluzioni possibili per non disperdere il patrimonio di esperienza e professionalità rappresentato dai ricercatori e consentire un processo di rilancio e valorizzazione dell’Istituto che – ha concluso il ministro – ha un ruolo centrale nella tutela dell’ambiente nel nostro Paese”.

Ma cosa prevede essattamente il protocollo? Scandita in nove punti, l’intesa segna alcuni raggiungimenti fondamentali per i ricercatori dell’Ispra. Fra gli altri: il rinnovo di tutti i contratti a tempo determinato senza soluzione di continuità; il mantenimento delle collaborazioni coordinate continuative (co.co.co) e degli assegni di ricerca fino al 31 dicembre 2010; l’impegno da parte delle istituzioni di emettere bandi tesi a stabilire nuove collaborazioni; l’impegno a bandire concorsi pubblici, nel triennio 2010-2012, che portino all’acquisizione di nuove professionalità sia a tempo determinato che indeterminato.

Ispra: tutti giù dal tetto, nella speranza che l’impegno raggiunto decolli tempestivamente.

Maria Saporito