Israele e Iran si stringono la mano a Madrid

Ieri durante la Feria Internazionale  Fitur del turismo di Madrid, che ogni anno riunisce i più importanti operatori dell’industria turistica mondiale, il ministro israeliano del turismo, Stas Mezeshkinov, ed il suo omologo iraniano si sono stretti la mano.
È stato il primo “contatto” tra autorità di alto rango dei due paesi dall’aprile 2005, quando durante il funerale di Papa Giovanni II, gli allora presidenti dei due Stati –Moshe Katsav y Mohammed Jatamì– fecero lo stesso. I due, seduti uno accanto all’altro per motivi di ordine alfabetico, intercambiarono anche una breve conversazione sulla loro comune provincia di nascita. Conversazione in seguito smentita da Jatamì.
“Siamo della stessa regione e il turismo può servive come ponte per il dialogo  e per aumentare la comprensione” . Queste le parole di cortesia di Mezeshkinov ” al suo interlocutore di Therán. La feria è stata testimone di un secondo miracolo quando il responsabile dello stand iraniano si rivolse al ministro ebreo dicendogli” abbiamo meravigliosi luoghi naturali e culturali da vedere dove lei è il benvenuto
Un invito che ha quasi dell’incredibile considerate le minacce di distruzione che il presidente Mahmud Ahmadineyad ha rivolto più volte ad Israele.
Annastella Palasciano