Body scanner e i danni alla salute

Partiamo dal principio base dei body scanner: ne esistono di due tipi, uno utilizza raggi X che penetrano l’oggetto ma usano radiazioni di ritorno dal corpo, mentre l’altro usa onde radio corte a elevata frequenza (simile a quello usato negli USA).
Lo scopo di queste nuove apparecchiature è quello di aumentare le sicurezze in volo e quindi diminuire e poi sconfiggere il terrorismo. Proprio come dice il nome, il body scanner consiste in una scansione del corpo umano riuscendo quindi a percepire ogni cosa celata.

Le polemiche che si sono sollevate in questo periodo riguardano i possibili danni causati alla nostra salute, danni provocati dalle radiazioni che vengono emanate. C’è chi smentisce e dice che come tecnologia è più che sicura, ma altri sostengono che vi siano comunque dei rischi, soprattutto per donne incinte, bambini e portatori di pacemaker e defibrillatori.
“Non conosco le caratteristiche tecniche degli apparecchi che saranno installati negli aeroporti italiani, ma questi dispositivi per la sicurezza possono creare problemi alle persone con pacemaker e defibrillatori, interferendo con il loro funzionamento. I cardiopatici e i portatori di dispositivi salvavita viaggiano molto quando i body scanner saranno adottati in Italia, dovranno essere fissate norme severe per la tutela della loro salute, analoghe a quelle previste ad esempio per i controlli di sicurezza in banca“, dicono i medici.
Il vero problema si presenta per coloro che viaggiano con frequenza.

Alessandra Battistini