‘Matricole e Meteore’: un esordio scarso

Parte la nuova edizione del noto programma ‘Matricole e Meteore’, che quest’anno è condotto da Nicola Savino: nuovo studio, nuovi interpreti e nuovi filmati da ricordare insieme, in nome dei vecchi tempi.

L’esordio, che avrebbe dovuto fungere da trampolino di lancio, non ha riscosso il successo che tutti si sarebbero attesi, perché, oltre alla bravura del conduttore, non si è visto molto altro. A parte alla disponibilità di uno studio, per così dire, piuttosto “approssimativo” e per certi aspetti molto simile ad uno sgabuzzino, gli altri componenti della squadra non si sono rivelati completamente all’altezza della situazione.

Partendo da Juliana Moreira, possiamo dire che di eclatante ha mostrato solo la solita bellezza, ma tutto il resto ci è sembrato abbastanza misero, a cominciare dai commenti ai filmati definibili come quasi “imbarazzanti”, continuando con le risatine e le entrate troppo sgargianti. Proseguiamo con il co – conduttore estraniante Digei Angelo, il quale si è spesso cimentato nella proposizione di atteggiamenti che sono sembrati già visti, o sentiti ormai troppe volte. Infine diamo spazio anche a Giorgio Mastrota che nel programma ha il compito di interpretare i panni di un cangurotto… povero Giorgio, sempre vittima di ruoli da poco, o addetto alle solite televendite di piatti, pentole e stoviglie. Durante la puntata è intervenuto anche Fiorello che, telefonicamente, ha voluto informarci della sua presenza, senza tuttavia riscuotere grande successo.

Proponendo un bilancio del discorso possiamo dire che quest’inizio stagione per ‘Matricole e Meteore‘ per ora non si è rivelato dei migliori, ma siamo certi che, trattandosi solo della prima puntata, Nicola Savino avrà tutto il tempo che desidera per migliorare le sorti di un possibile flop.

Alice Sommacal