“Amici” resoconto puntata odierna (23.01.10 seconda parte). Anche Michele ha rischiato di dover lasciare la scuola!

Maria racconta le ore che hanno preceduto il debutto serale per i Bianchi. L’abbandono traumatico di Davide e l’incidente di Michele che a messo a repentaglio la sua permanenza nella scuola. I Bianchi erano comprensibilmente un po’ turbati. E confessa che, dopo la puntata e l’atteggiamento aggressivo verso Platinette, la stessa Emma, voleva andare via.

Si passa ad un’altra signora ma la critica rimane, più o meno la stessa, Emma dovrebbe imparare a gestire meglio l’adrenalina perché, questa, influisce negativamente sul canto. E poi l’accusa che riscalda gli animi: “tu ti senti già arrivata” e la risposta di Emma che chiede se la signora abbia “il porto d’armi per sparare cretinate”. La signora si sente offesa. Maria riporta la calma, come già fatto in altre occasioni ricorda che  “i ragazzi di questa edizione sono educatissimi”. Emma chiude lo spazio a lei dedicato ribadendo di essere eccessiva di natura, ma di non sentirsi arrivata, anzi, di soffrire molto per l’emozione che le da cantare.

Tocca ora a Stefano che si esibisce sulle note di Micheal Bublè. Se la cava bene, come sempre. Sicuramente lo intimoriscono più le parole del pubblico. Il primo a prendere la parola è una vecchia conoscenza tra i parlanti ribattezzato da Maria De Filippi, “Bologna”. La premessa è un’accusa al modo di parlare di Stefano, segue un’ammissione di tifo sfegatato per Rodrigo e la domanda sul perché della cattiva opinione di Stefano sul ballerino cubano.

Stefano replica con educazione e umiltà ammettendo di essere impegnato nel tentativo di migliorare la sua comunicazione. Su Rodrigo, precisa di non averlo mai svalutato ma, di dubitare della sua capacità di esibirsi bene in tutti i generi. Interviene la Celentano: Rodrigo non si tocca!

 

S. Al.