Josè Mourinho non svela ancora la formazione del derby di domenica

Stankovic non convocato, Muntari e Thiago Motta recuperati. Anche l’influenzato Sneijder ha già recuperato dall’attacco di febbre di venerdì.

Josè Mourinho è convinto comunque che il match contro il Milan non sarà nè fondamentale, nè decisivo per il campionato in corso: “E’ stata una settimana normale, una settimana tranquilla, dove si è lavorato con serenità e senza grandi problemi. Abbiamo studiato il nostro avversario, abbiamo fatto il nostro lavoro, sono soddisfatto. Se Milan e Inter sono cambiate rispetto all’andata? Non lo so , il Milan forse giocava con una filosofia di gioco diversa da oggi, mentre noi non abbiamo cambiato tanto, anche se abbiamo molti assenti adesso, più di loro forse. Comunque è InterMilan, il derby, sempre una gara a sé, dove non è importante chi sembra favorito o chi sembra stia giocando meglio. È derby, é un punto interrogativo a prescindere dalla situazione cui ci si arriva. È una partita senza logica. Non sarà comunque decisivo, è troppo presto per parlare di gare decisive. In ogni caso voglio una vittoria”.

Il match di domenica è lo scontro tra fisico-Inter e fantasia-Milan. L’eventuale esito positivo della gara a favore dell’Inter sebbene non sia una prerogativa alla vittoria dello scudetto, obiettivo fondamentale per gli uomini di “Mou”, è senza ombra di dubbio una tappa obbligata per dare segnali decisivi su quello che potrebbe essere lo scenario finale del campionato di Serie A. Il Milan è a tutti gli effetti l’attuale competitor più accanito e pericoloso per i neroazzurri, e quello di domenica sarà sicuramente un match fondamentale per misurare e calcolare i possibili pronostici relativi a Giugno 2010.

P.B.