Bin Laden: dubbi sull’autenticità del messaggio audio

Gli esperti della Casa Bianca stanno valutando l’attendibilità del nuovo messaggio audio di Bin Laden, diffuso oggi e che rivendica la paternità di Al Qaeda dell’attentato di Natale a Detroit, annunciando nuovi attacchi sul territorio americano.
“Non posso confermare – ha detto alla Cnn David Axelrod, portavoce della Casa Bianca – la responsabilita’ di Al Qaeda nell’attacco, cosi’ come l’autenticita’ del messaggio registrato. Comunque, se fosse lui, il messaggio contiene le stesse inconsistenti giustificazioni sulle stragi di innocenti che abbiamo sempre sentito”.

Sul ritorno di Osama Bin Laden è intervenuto anche Davios Miliband, ministro degli Esteri britannico del governo di Gordon Brown.
“Il pericolo terrorismo – ha detto – rimane ancora molto reale alla luce di estremisti che non si fermano di fronte a nulla”. […] Il cuore della leadership di Al Qaeda resta sui confini afghano-pakistani. […] Il vero pericolo comunque ora e’ lo Yemen. Lo Yemen sta prendendo molto pu’ spazio nei nostri rader negli ultimi due anni”.

Indipendentemente dall’attendibilità che dovrà essere valutata dagli esperti dell’antiterrorismo e dalle condizioni di salute di Osama Bin Laden, questo messaggio, diffuso esattamente ad un mese dall’attentato di Detroit, vuole senz’altro rimarcare la continuità della nuova fase del terrorismo, che ha posto le sue basi in Yemen, con l’organizzazione messa in piedi negli anni ’90 da Bin Laden.

Vedremo, nelle prossime settimane, se anche i Governi dei principali paesi impegnati nella lotta al terrorismo islamico, Stati Uniti e Regno Unito, hanno davvero intenzione di riproporre schemi e azioni già sperimentate, durante le guerre criminali di inizio millennio, con effetti catastrofici.