Lose for life: gli italiani spendono 4 mila euro al mese per drogarsi

Dopo Win for life in Italia arriva anche il suo contrario: Se con il nuovo gioco introdotto pochi mesi fa un italiano, se molto fortunato, si può assicurare una rendita di 4000 euro al mese per vent’anni, con un altro gioco, tremendamente vecchio quanto pericoloso, si può essere protagonisti di una vita veramente penosa, per 20 anni, ma anche di più, se si riesce a sopravvivere; paradossalmente la cifra che serve è esattamente la stessa, ma al posto di incassarla bisogna sborsarla. E sembra proprio che gli italiani, una minoranza fortunatamente, questi 4000 mila euro al mese  li spendano per drogarsi.

Secondo uno studio dell’European Centre for Social Welfare Policy and Research che ha  svolto una ricerca prendendo come campione  sei città europee, tra cui Torino( le altre sono Amsterdam, Londra, Varsavia, Vienna e Praga), il popolo del bel paese  spenderebbe in media 5 volte  in più degli altri paesi europei per quanto riguarda l’acquisizione, volta al consumo, di droghe.

Lo studio è stato diviso in consumatori problematici  e ricreazionali: tra i primi, almeno una volta a settimana si fa uso di droghe pesanti, i secondi invece solo occasionalmente hanno a che fare con quel tipo di sostanze, ma settimanalmente fanno uso di droghe leggere. Ai due gruppi sono stati sottoposti 100 questionari ciascuno; sono i ricreazionali a prevalere e di gran lunga: 85 persone su 100 consumano hashish, contro ad esempio il 63 dell’ultra liberale Amsterdam, chi l’avrebbe mai detto.

Non è tanto questo a preoccupare però quanto l’altissima percentuale di consumatori di eroina, 83 italiani su 100, tra i consumatori problematici. E’ un dato decisamente sconcertante. La ricerca ovviamente presenta dati molto più articolati, ma ciò che preme sottolineare è la tendenza degli italiani a fare uso di sostanze incredibilmente dannose, come l’eroina appunto. Sarebbero poi proprio questi individui, i “problematici”, a poter, oltre che dover, spendere ben 4000 euro al mese per  rovinarsi la vita. I ricreazionali si feramano alla modica spesa di 500.

Viene da chiedersi dove prendano tutti questi soldi, in tempi di crisi e magari senza un lavoro. Viene anche da chiedersi perchè, al posto di autodistruggersi non utilizzino meglio il loro tempo.

A.S.