Arriva il primo ‘talent cartoon’ diretto da Maurizio Nichetti

L’ultima novità per i talent show arriva dal mondo dell’animazione, dopo ‘X Factor’ è in arrivo su Rai Due ‘Teen days’ il primo ‘talent cartoon’, targato Rai Fiction e diretto da Maurizio Nichetti che arriva sulla seconda rete da domani alle 7.25 nel contenitore per bambini del mattina ‘Cartoon Flakes’, ogni martedì e giovedì. Ma è già diventato un cult in Francia, dove è trasmesso da novembre ed è diventato in poche settimane una delle trasmissioni preferite dei ragazzini d’Oltralpe.Diviso in 26 episodi autoconclusivi da 26 minuti realizzati in coproduzione con la romana Cartoon One, ‘Teen Days’ è un incrocio fra i telefilm alla Saranno famosi e i moderni talent show.

Un cartoon ambientato in una grande metropoli europea in cui la musica come sempre la fa da protagonista con 26 canzoni originali, pronte ad essere tradotte in altre lingue per conquistare nuovi mercati (in Francia è appunto già successo). I protagonisti (Elia, Max, Sara, Leo, Isabel e Thomas, i sei personaggi principali) si conosceranno in un liceo molto speciale – una scuola sperimentale di spettacolo – dove, oltre alle solite materie, studiano musica, composizione, danza, recitazione. Tra piccole e grandi conquiste, tante difficoltà e qualche conflitto, scopriranno che l’unione fa la forza. Rai Due ha lavorato a questo progetto, in coproduzione con la romana Cartoon One (che ha ideato anche A scuola di vampiri, giunta con grande successo alla sua terza stagione).

E’ un progetto ambizioso – ha dichiarato il regista Maurizio Nichetti – rivolto a un pubblico di pre-adolescenti notoriamente difficile da catturare. Tiene conto delle mode e dei moderni talent show, ma ha un’impronta assolutamente europea per il largo spazio che dà alle sottotrame familiari e ai problemi relazionali dei protagonisti. Nessuno scimmiottamento dei modelli americani. Come format è da considerare una sit-com musicale, con colori, grafica ed effettistica che danno risalto a quello che si suona. Ci saranno almeno 6 canzoni a episodio, sia italiane che inglesi. La musica è un linguaggio universale e con il suo appeal ci ha portato persino l’interessamento delle Tv arabe”.

Eleonora Teti