Il “Promemoria” di Marco Travaglio conquista il popolo italiano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:24

Parla al pubblico, racconta i fatti come stanno senza celare nulla; il monologo di Marco Travaglio dura 3 ore e tocca diversi argomenti: Tangentopoli, la mafia, i ricatti della politica e anche la Costituzione. Continua a fare il suo mestiere di grande giornalista, sfruttando al meglio la sua grande dote l’intelligenza addizionata l’ironia.
“Promemoria” è anche un libro e parte da un percorso ben lontano, dalla prima Repubblica, fino ad oggi, con citazione personale e conclusione per Berlinguer.

“E’ il Travaglio della memoria, così potremmo chiamare questo nostro tentativo di coniugare il puntuale e quasi implacabile impegno giornalistico di Travaglio con la musica di Corvino. Una musica che non è né descrittiva né tantomeno lenitiva ma si propone di volta in volta come cornice, evocazione, suggestione o provocazione a risaltare la nitidezza del racconto della nostra storia recente che, a partire dall’affogamento nelle tangenti della prima Repubblica, passando per la resistibile ascesa di Berlusconi, sembra precipitare sempre di più, di capitolo in capitolo, coi toni della farsa, del grottesco, della tragicommedia ma con la tragedia sempre dietro l’angolo. Vorremmo, tramite la musica, ottenere un effetto di ” galleggiamento” di questa memoria che Travaglio ci propone, per sfuggire alle facili lusinghe dell’antipolitica ed anzi per assumerci le nostre responsabilità poiché si tratta pur sempre della nostra storia; e come si sa la storia insegna, ma nessuno impara mai niente”, commenta il regista Ruggero Cara.

Alessandra Battistini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!