Marco Mengoni: “sono molto più semplice di come molti credono”

In una recente intervista a Top, Marco Mengoni in attesa dell’avvio del festival di Sanremo, parla di sè, degli effetti del suo successo e chiaramente delle aspettative per il suo pezzo Credimi Ancora.

Un Marco Mengoni a tutto tondo che con i piedi bene puntati per terra, dimostra di essere rimasto un ragazzo normale come tanti altri. E’ lo stesso cantante infatti, nell’intervista a Top, a sottolineare che non ci sia alcun “marchingegno” dietro di lui, ma solo le speranze e le capacità di un cantante di 21 anni, che è anzitutto un ragazzo di 21 anni.

Certamente Marco Mengoni, lanciato da X factor, dimostra di avere stile e saper gestire il rapporto con la comunicazione. Chiaramente, chi lo guarda in televisione è liberissimo di farsi una sua personale idea, ma, è questo è l’invito del cantante, sarebbe bello se non ci si fermasse alle apparenze. Un concetto che il cantate ha già sottolineato più volte in altre interviste.

L’artista poi fa riferimento a ciò che è avvenuto, dopo l’avvio del suo successo che ha avuto la sua consacrazione con la vittoria a X Factor. Dopo infatti il riconoscimento “anche i morti” lo hanno chiamato mentre coloro i quali erano sempre stati più vicini a lui, “si sono fatti sentire il meno possibile”. Dinamiche e regole particolari del successo che Marco Mengoni, riflessivo, sembra avere la maturità tale per notare. La stessa maturità che spinge il cantante a fare singolari considerazioni sul suo pezzo Credimi ancora, con il quale si presenterà a Sanremo.

L’artista infatti, alla sua prima volta sul palcoscenico del teatro Ariston, è perfettamente consapevole della responsabilità alla quale è chiamato avendo scelto una canzone, realizzata da lui e non “propriamente sanremese”. Una consapevolezza che rende Marco Mengoni ancora più “artista” nel senso più completo del termine. Della miusica e dello stile di questo ragazzo di 21 anni, a prescindere da Sanremo, si sentirà, probabilmente, parlare tanto.

Enzo l.