Asterix e Uderzo, il celebre gallo sopravviverà anche dopo il suo disegnatore

 

Asterix, il famosissimo e beneamato gallo protagonista dell’omonimo fumetto, continuerà la sua vita anche dopo la morte del suo disegnatore Uderzo. “Uderzo non è egoista – perciò Asterix gli sopravviverà” afferma lo stesso Albert Uderzo , co-creatore assieme a René Goscinny di questo celebre personaggio.

E’ quindi stato questo l’annuncio che Uderzo ha fatto a Le Figaro, ormai prossimo a compiere 83 anni il 25 aprile; il disegnatore si è circondato di un’equipe di successori appositamente formati al suo stile, come Régis Grébent, Michel Janvier per il lettering, e Frédéric e Thierry Mébarki.

Fatto questo quasi inevitabile dal momento che Uderzo soffre da quando aveva quaranta anni di reumatismo articolare alla mano destra; questo ha portato con il passare degli anni a far sì che disegnare diventasse quindi sempre più doloroso. Un destino simile era toccato anche a Jacques Martin,morto pochi giorni fa; uno dei Grandi della Linea Chiara, è stato un importante autore per la storia del fumetto e  creatore di Alix e Guy LeFranc, per citarne alcuni: il suo problema era la vista che divenne sempre più compromessa e rese quindi di importanza vitale l’opera dei suoi collaboratori e co-firmatari delle sue serie, che ora proseguono nel far vivere i suoi personaggi.

L’intenzione di Uderzo non è affatto quella di rendere i suoi personaggi della statue da museo, come è successo per Tintin, ma vuole al contrario che essi continuino a vivere come fanno Lucky Luke o i Puffi, per fare qualche esempio. Alle spalle ha anche una pesante diatriba con la figlia proprio in fatto di diritti e sorte dei personaggi che però sembra essere in qualche modo scemata, anche se non risolta del tutto. Per quanto riguarda l’erede di René Goscinny, era già in precendenza d’accordo sul mantenere in vita Asterix anche dopo la scomparsa dei disegnatori.

“Sarebbe egoista impedire ad Asterix di vivere dopo di me. So bene che il mio eroe è più forte di me.” ha detto Uderzo parlando delle sorti relative al suo personaggio che proprio quest’anno ha compiuto 50 anni.

Rossella Lalli