Calcio, Inter – Mourinho sta con Ferrara: “I tecnici italiani sono eroi”

José Mourinho, tecnico dell'Inter, ha compiuto ieri 47 anni

Vigilia di Coppa Italia per l’Inter di José Mourinho. Il tenico portoghese, che chiarisce subito di non voler snobbare la competizione (“Perché dovrei? Io credo che anche la coppa nazionale sia una manifestazione importante, forse perché vengo da una cultura diversa”), ha una parola di riguardo per il suo collega juventino, Ciro Ferrara: “Tutti i tecnici vivono momenti belli e altri più difficili, e in questo momento Ferrara non vive una situazione facile. Ma in Italia un allenatore che riesce ad arrivare a fine stagione è un vero eroe. Da quando sono qui – ha continuato Mourinho – saranno in tutto 5 o 6 gli allenatori che non hanno cambiato panchina, e questo è incredibile. Così è impossibile fare un minimo di programmazione.”.

Soffermandosi poi in modo particolare sulla gara di domani (ore 20.45, RaiUno), il tecnico di Setubal raccomanda prudenza: “I 16 punti di vantaggio che abbiamo in campionato domani sera non conteranno nulla, l’Inter e la Juve avranno le stesse possibilità di passare il turno. Sarà una gara molto pericolosa, la squadra bianconera, nonostante i tanti infortuni, rimane di grande qualità. Inoltre noi veniamo da una gara in cui abbiamo speso molte energie fisiche e nervose, e rischiamo di non essere al top”.

Mourinho ha poi voluto fare alcune precisazioni su quanto è successo durante il derby di domenica scorsa. “Ho ricevuto un altro regalo di compleanno dalle entità ufficiali – ha scherzato il tecnico – , l’anno scorso una squalifica per il mio compleanno, adesso un deferimento”.

E l’espulsione di Sneijder? “Avrei preferito averlo a disposizione in campionato, ma sapevo che sarebbe andata così. Ho rivisto la partita più volte e mi sono emozionato – ha detto sarcastico Mourinho – quando alla fine della gara, nel recupero, ho visto che Borriello ha insultato l’arbitro e Rocchi non ha fatto niente, anzi, gli ha preso la faccia con le mani con un gesto quasi affettuoso. E’ qualcosa che davvero non riesco a capire”.

Pier Francesco Caracciolo