Camorra: arrestati in Spagna due superlatitanti

Il latitante Paolo Di Mauro

Stavano uscendo dallo studio di un avvocato a Barcellona, in Spagna, quando per loro sono scattate le manette. La polizia spagnola, in collaborazione con quella italiana e con l’Interpol (Ufficio centrale della polizia internazionale), ha oggi concluso una delicata operazione che ha condotto all’arresto di due superlatitanti: Paolo Di Mauro, 58 anni, e Luigi Mocerino, 50 anni. 

Il primo era stato inserito nella lista dei 10 ricercati più pericolosi stilata dalla Direzione centrale della polizia criminale, mentre il secondo era annoverato tra i 100 mafiosi più pericolosi. Entrambi i latitanti facevano capo al clan Contini, attivo nella zona di Vasto e dell’Arenaccia.

Su Di Mauro, noto negli ambienti malavitosi come “Paoluccio ‘o infermiere“, grava l’accusa di associazione mafiosa e omicidio e una condanna definitiva di quasi 18 anni. Fu, infatti, tra i protagonisti di una faida locale che, negli anni ’90, il clan Contini “ingaggiò” contro un’altra cellula criminale del territorio: quella dei Mazzarella. Ricercato dal 1993, dal 2007 il suo nome era stato sottoposto all’attenzione delle forze investigative  internazionali.

Luigi Nocerino era, invece, il referente del clan Contini per traffico internazionale di droga.

Maria Saporito