Lorella Cuccarini: “Sarò nuda all’ultima serata di Sanremo”

Ormai il cast deli ospiti del 60° Festival di Sanremo sembra completo. Avevamo dato notizia della conferma dei Tokio Hotel ed oggi è Lorella Cuccarini a confermare la sua partecipazione alla manifastazione canora sanremese.

La celebre showgirl sarà ospite speciale dell’ultima serata del Festival e dichiara: ‘Sarò alla serata finale con un numero particolare, tratto dal musical ‘Il pianeta proibito’ “. L’attrice farà il suo ingresso sul palco di Sanremo completamente nuda, ovvero coperta solo da una grande chitarra bianca, come appare ritratta anche nei manifesti del suo ultimo show, in scena in questi mesi nei teatri d’Italia.

La Cuccarini prosegue: ‘Inutile negare che ci abbiamo giocato sopra ma non vedo lo scandalo, si vede di tutto!’.

Così, la ballerina mito della televisione italiana che spopolava nel periodo a cavallo tra anni ’80 e ’90, ha scoperto il segreto per tornare sull’onda del successo e per far parlare di sè: scoprire il suo lato sexy, all’alba dei 40 anni.

In effetti Lorella è davvero bella e in forma e, nonostante negli ultimi anni sia stata un po’ snobbata dalla televisione, ricordiamo la sua polemica con Fabrizio Del Noce, il quale secondo lei dimostrava antipatia nei suoi confronti, togliendole di fatto qualsiasi possibilità di inserimento nel palinsesto Rai, ha continuato con tenacia il suo lavoro in Teatro, mantenendo la sua forma fisica smagliante e cercando di rinnovare la sua immagine verso il pubblico, oggi arricchita da un pizzico di malizia e sensualità.

Si dice che sia stato Luca Tomassini, noto coreografo e Art Director delle più celebri star della musica mondiale, tra le quali Madonna, ad insistere per la scelta far osare Lorella e ad architettare questo nudo sulla scena teatrale. Un nudo forse provocatorio, ma sempre nei limiti del buongusto e del rispetto del pubblico.

Con quello che si vede oggi nelle televisioni e nei programmi di tutta Europa, di certo la Cuccarini desnuda a Sanremo non provocherà alcuno scandalo.

Paola Ganci