Robert Pattinson sta imparando a gestire il suo successo

La vita della star di New Moon, Robert Pattinson, non sembrerebbe affatto facile. Code di paparazzi e curiosi sono pronti a seguirlo in ogni suo spostamento, mentre si moltiplicano le notizie di gossip in merito ai suoi amori, al fatto se sia fidanzato o meno, o ancora, la più gettonata, se stia insieme a Kristen Stewart anche nella vita reale e non solo come Edward Cullen e Bella Swan.

Nonostante al sua giovane età però, Robert Pattinson si è sempre dimistrato in gardo di gestire il successo, consapevole del fatto che siano anche i suoi fans a aver determinato la sua notorietà.

Recentemente sulla capacità di Robert Pattinson di gestire il suo successo, nonostante la forte pressione di curiosi e paparazzi, sono intervenuti due suoi colleghi : Orlando Bloom e Chris Cooper,
quest’ultimo impegnato a in Remember Me, il film che vede Robert Pattinson protagonista assieme a Emilie De Ravin.

Orlando Boom ha messo in evidenza durante una intervista, le difficoltà di Robert Pattinson che a causa della pressione dei curiosi e dei paparazzi, “non può andare da nessuna parte.” Secondo le parole di oralndo Bloom si tratterebbe di una situazione addirittura “pazzesca”.

Non sembra invece drammatizzare la situazione fino a questo punto, Chris Cooper,
collega di Robert Pattinson in Remember Me. Chris Cooper ha infatti raccontato a MTV, le vicende dei giorni del set di Remember Me, quando centinaia di curiosi richiamati dalla presenza di Robert Pattinson strinsero quasi d’assedio il set cinematografico, nonostante ci fossero barriere proptettive molto alte. Il risultato in quella circostanza fu che Robert Pattinson dovette recitare e interpretare la sua parte in Remember Me, con a pochi metri decine di fans e relative macchine fotografiche e cellulari.

Nonostante questo quadro difficile, Chris Cooper ammette che la reazione della giovane star dinanzi a questa situazione difficile sarebbe sintomatica della crescente capacità dell’attore di gestire il suo successo.

Enzo l.