Cosentino, la Corte di Cassazione respinge il ricorso.

A Nicola Cosentino dice proprio male di fatto oltre ad essere accusato di concorso esterno in associazione camorristica è stato anche respinto il suo ricorso.

A respingerlo è stata la I sezione penale di corte di cassazione, per tanto si procede con l’ordinanza di arresto emessa dalla Direzione distrettuale antimafia per presunti rapporti con i casalesi. Ma il sottosegretario non riceverà per ora alcuna limitazione della libertà personale dato che la Camera ancora non ha concesso l’autorizzazione.L’avvocato difensore Stefano Montone assieme al suo collega sperano che il prcesso si risolva il più rapidamente possibile in modo da far cadere tutte le accuse a carico dell’imputato.

Marco Farci