Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca La pausa caffè aiuta la memoria, ricordatelo al vostro capoufficio

La pausa caffè aiuta la memoria, ricordatelo al vostro capoufficio

 Lavorate strenuamente per otto ore di fila? Avete sempre il fiato sul collo del vostro capo, il quale, appena togliete gli occhi dallo schermo del vostro pc sbraita per un’ora filata? Non avete idea di cosa sia una “pausa caffè”? Beh, è tempo di cambiare registro e per farlo arriva in vostro ( nostro) aiuto anche la scienza.

Lo studio viene addirittura dalla New York University, dove Arielle Tambini e Lila Davacchi sono riuscite a dimostrare che la cosiddetta pausa caffè, ma in generale ogni break che di cui si riesce ad usufruire durante un’attività lavorativa o didattica aiuta a ricordare meglio ciò che si è appena fatto, letto, studiato, progettato e via dicendo.

Sulla scorta di altre pubblicazioni che hanno ampiamente dimostrato come il sonno, la pausa più lunga di cui un essere umano può usufruire, sia il momento migliore in cui il cervello incamera i dati acquisiti durante il periodo di veglia, l’esperimento svolto dalle due ricercatrici ha preso il via mostrando coppie d’immagini ad un gruppo di persone; dopo aver concesso una pausa (da svegli) ai soggetti coinvolti è stato chiesto agli stessi di provare a ricordare le associazioni delle immagini.

Monitorando il tutto con il metodo della “risonanza magnetica funzionale” Davacchi e Tambini hanno scoperto che l’area dell’ippocampo, deputata al ricordo ( o perlomeno ad alcuni tipi di esso) dopo la pausa si riattiva, anche se con prestazioni differenziate da persona a persona.

La ricerca confermerebbe anche la “teoria” del famoso quarto d’ora accademico universitario; stante il fatto che alcuni professori tendono a saltarlo, va notato che questa pratica, al posto di recuperare tempo potrebbe, secondo la ricerca americana, addirittura farlo perdere,  creando maggiori difficoltà per gli studenti nel ricordare una lezione troppo lunga o, allo stesso modo, nel riuscire a prendere appunti precisi dopo un certo periodo di tempo in cui essi sono rimasti concentrati.

In ambito lavorativo, beh, se il vostro capo vi dice che siete sempre in pausa, snocciolategli una serie di pratiche a memoria intanto che bevete il caffè e poi parlategli di questa ricerca; ah, non vi ricordate le pratiche? Scrivetevele sulla mano, ovviamente!

A.S.