Calcio, Inter – Massimo Moratti è raggiante: “Che bella settimana!”

Massimo Moratti, 64 anni, presidente dell'Inter

E’ un Massimo Moratti entusiasta quello che si gode la settimana della doppia vittoria sui rivali di sempre, il Milan in campionato prima e la Juventus in Coppa Italia poi. “Per chi è interista come me questa è una grande settimana, prima abbiamo disputato una grande gara contro i rossoneri, poi siamo riusciti a imporci anche sulla Juve. Anche se si trattava solo di Coppa Italia, è sempre bello poter battere i nostri avversari storici. E poi chi ha detto che la coppa nazionale debba essere snobbata?”

Il successo sulla ormai ex squadra di Ciro Ferrara è stato firmato ancora una volta da Balotelli: “Sembra che sia scritto che Mario, ogni volta che incontra la Juve, faccia gol. Probabilmente – ha concluso sibillino Moratti – è questo il motivo di tanto livore da parte dei tifosi bianconeri…”.

Il presidente dell’Inter, riferendosi alla Juventus, ammette un certo dispiacere nel vederla in crisi: “Mi dispiace sempre per chi è in una situazione difficile, ma non posso esprimermi, sono cose che riguardano la società bianconera. Quella che ho visto ieri sera è stata una squadra che ha fatto la sua partita, venendo a San Siro e mettendoci in difficoltà. Ho letto che la squadra poteva essere contro l’allenatore, ma mi sembra proprio che abbia giocato col massimo impegno”.

Anche ieri la questione arbitraggi è stata di stretta attualità, con un rigore abbastanza netto (mani in area di Felipe Melo) non fischiato ai nerazzurri. Moratti non ha voluto rinfocolare la polemica: “E’ vero, si è trattato di un errore piuttosto grave, sia da parte dell’arbitro che del suo assistente, ma sono cose che possono capitare. Diciamo che in questi ultimi giorni non siamo stati particolarmante fortunati”.

Dopo aver precisato che l’affare che ha portato all’Inter Manuel Fernandes, centrocampista portoghese prelevato dal Valencia, era molto più conveniente dell’acquisto di Ledesma, Moratti ha provato a chiudere la polemica col Milan nata qualche giorno fa sulla modifica delle date delle gare di campionato e coppa: “Non c’è nessuna polemica, sono dei fatti precedenti al derby, dopo di che la stracittadina è andata come è andata e basta; poi si può rimanere arrabbiati o no, ma credo che si debba essere in grado di superare queste cose”.

Pier Francesco Caracciolo