Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

E’ morta Niny Comolli, “madre” dello Zecchino d’oro

CONDIVIDI

Lo Zecchino d’oro è una rassegna canora internazionale di musica per l’infanzia, riconosciuta in tutto il mondo con premi e attestazioni varie.
La sua inventrice, Niny Comolli, è morta a Milano alla veneranda età di 94 anni. Prima musicista di sesso femminile a occupare un posto tra i banchi dell’orchestra della Rai, è stata autrice di decine di sigle televisive e fondatrice del coro ‘I piccoli cantori’ di Milano.
La sua presenza tra i musicisti Rai era ritenuta scandalosa per l’epoca tanto che, inizialmente, durante le esibizione pubbliche la sua figura veniva nascosta dietro ad un paravento.
Con I piccoli cantori di Milano si è occupata in prima persona della direzione fino al 1985, anno in cui è stata affiancata da Laura Marcora, sua nipote.

Tra le sigle più note da lei realizzate, ricordiamo Portobello, Bim Bum Bam e la bellezza di oltre seicento brani con Cristina D’avena. Collaborazioni con Pippo Baudo, Toquinho, Gino Bramieri, Bruno Lauzi, il Quartetto Cetra e che più ne ha più ne metta.

Nel 1979 per la Comolli è giunto dal Comune di Milano l’attestato di Benemerenza Civica per l’impegno profuso con i Piccolo cantori, per la sua apprezzata attività di composizione di musica per bambini e per l’apporto al fine del mantenimento della tradizione popolare.

Palazzo Marino nella giornata di lunedì 1 febbraio le dedicherà un minuto di silenzio e verrà ricordata dalle parole del presidente del Consiglio comunale Manfredi Palmeri.
Sabato 30 gennaio si terrano i funerali presso la basilica di Sant’Ambrogio.
Per lei si innlzeranno le voci di più di cento bambini del suo coro, a cui si aggiungeranno quelle di molti ex-allievi.

Se ne va una donna speciale che, oltre al suo contributo alla musica, lascia un esempio sulla strada dell’affermazione sociale del sesso femminile.

Valeria Panzeri