La preghiera di Attanasio alla Poli Bortone

Tommy Attanasio, consigliere regionale del Popolo delle libertà, scrive una lettera ad Adriana Poli Bortone, pregandola di incontrarsi con il candidato Rocco Palese. La missiva è carica di sentimento, quasi una supplica a un avvicinamento tra i due concorrenti per la poltrona di governatore della regione Puglia. Introducendo con queste parole “a coloro che proprio non vogliono che ritorni Vendola da Presidente, a coloro che credono nell’impegno e nel riscatto della propria terra”, Attanasio scrive

“Come è a tutti noto, le risorse comunitarie termineranno nel 2013, sarà l’ultimo appello alla Puglia e questa è una responsabilità’ terribile. Quando e’ in gioco una posta cosi’ alta, tattiche, strategie, intrighi di palazzo sono tanto lontani dalla gente quanto devastanti, sai quanto Rocco Palese sia persona seria e garbata, sempre in prima linea in battaglia in Consiglio Regionale. Incontratevi, per un giorno intero, meglio in convento, ed in piena meditativa solitudine, concordate alcuni punti irrinunciabili per rialzare la Puglia dal pantano in cui si trova”. I miracoli? Sono rarissimi ma a volte avvengono. Io ci credo

Non è dato inoltrarsi nella fede altrui, ma pare che Attanasio non abbia davvero capito quale sia la situazione nella sua regione nè, forse, ha ben chiara la dinamica politica nella sua generalità. In pratica, il consigliere regionale sta pregando la Poli Bortone di abbandonare la sua candidatura in favore di Rocco Palese. La domanda sorge più che spontanea: e perchè dovrebbe? Cosa ricaverebbe l’ex sindaco di Lecce da una manovra del genere?

Del resto la stessa Poli Bortone ha già detto di non avere alcuna intenzione di compiere un passo del genere. Al quotidiano Libero, infatti, ha dichiarato  “chiedere un passo indietro ai due candidati forti, attualmente in corsa, ha senso solo se scende in campo un nome più forte di loro: Raffaele Fitto. Non credo che la mediazione si possa fare individuando qualcuno più debole”.

Tra preghiere estemporanee e scelte difficili, non resta che aspettare l’evolversi della situazione. Intanto Vendola continua la preparazione della sua campagna elettorale, al sicuro dopo la vittoria alle primarie.

Simone Cruso