Il sabato di Amici (1): “Enrico perché canti?”

Inizia una nuova puntata del sabato pomeriggio di Amici. I ragazzi delle due squadre in gara, si esibiranno su prove scelte da loro e risponderanno alle critiche del pubblico parlante. Per la prima metà della puntata in studio ci sarà la squadra Blu.

I ragazzi entrano in studio sulle note di Imagine. La loro esibizione, anche se è solo la sigla, è veramente convincente. I ragazzi hanno trovato una bella amalgama. Le voci dei cantanti si fondono a meraviglia. Ognuno di loro ha uno stile diverso dall’altro, ognuno è unico. E i ballerini non sono da meno.

Inizia Enrico, che si esibisce con la sua fida chitarra. La prima critica è diretta: “ma perché canti?” gli chiede una signora, lui risponde pronto: “Canto perché lei parla”. Il siparietto continua tra frecciatine e risate. Si passa ad una domanda per l’insegnante che prepara il cantante: “Quando Rapino lavorava con Enrico e Davide per Loretta l’intonazione era la base per un cantante, come mai ha cambiato idea?”, la Martinez  replica: “Non ho cambiato idea ci stiamo lavorando. Ora ha stonato su una nota e poi è stato intonato. Sull’intonazione si migliora con il tempo, tutti possono migliorare”.

Si passa ad un’altra signora che ne critica il modo di cantare, ma anche quello di parlare: “Da casa sentiamo i tuoi sermoni, dove vuoi andare a parare, in più ti manca la dizione”. Enrico non capisce cosa la signora non capisca. La signora non la capisco nemmeno io. Passiamo avanti.

Ancora critiche: “Per me sei un errore qui dentro. E poi se Britti non è nelle corde di Enrico…cos’è che deve cantare?”. Interviene ancora la Martinez  che spara un nome grosso…Lenny Kravitz. Enrico sottolinea la differenza immagine e musica. L’unica uguaglianza tra lui e Alex Britti è la chitarra. A lui comunque piacciono il blues, Tenco e Finardi.