In streamig l’ultima serie di Lost grazie al servizio Telecom Italia

Lost, è la serie tv che davvero ha appassionato, come nessun’altra, il popolo mondiale. Ricordiamo di come, addirittura, sia stata preferita al discorso di Obama previsto inizialmente per il prossimo 2 febbraio, il quale sarebbe dovuto andare in onda a reti unificate, provocando la posticipazione del celebre telefilm, con tutte le critiche a seguito da parte degli appassionati, quando si discuteva sull’argomento e sulla possibilità che potesse essere slittato.

Dopo aver tirato un sospiro di sollievo alla notizia che annunciava la prèmiere di due ore prevista per lo stesso giorno, l’ulteriore novità che farà rallegrare tutti i sostenitori e appassionati di Lost, la serie culto prodotta da Abc Studios  che narra le vicende dei sopravvissuti ad un incidente aereo e approdati su una misteriosa isola collocata nel sud del Pacifico, proviene direttamente dalla Telecom Italia, che dal prossimo 3 febbraio, in collaborazione con la Walt Disney Company, metterà a disposizione sulle proprie piattaforme IP, tutti i nuovi 18 episodi in programmazione dell’ultima stagione della serie. La vera notizia, è che ciò verrà trasmesso quasi “in diretta”, con sole 24 ore di scarto rispetto alla messa in onda negli Stati Uniti!

Tramite Pc, grazie al sito web lost.cubovision.it, sarà possibile usufruire di settimana in settimana, delle nuove inedite puntate, ad alta risoluzione. Ma ciò sarà possibile anche per mezzo della Tv, attraverso l’Iptv e CuboVision di Telecom Italia. Il costo del servizio on demand, è di soli 1,99 euro, con addebito direttamente in bolletta per i clienti Telecom Italia.

Così, gli amanti della storia che sta appassionando il mondo intero, potranno, grazie allo streaming, vedere ogni singola puntata in lingua originale ma sottotitolata in italiano. Una trovata assolutamente geniale, messa a punto dal Gruppo Telecom, che si prodiga a continuare il percorso già avviato che fonde la tecnologia internet all’intrattenimento, sfruttando però le potenzialità della rete oltre che i servizi on demand del tutto legali e di altissima qualità.

Emanuela Longo