Bambini e pressione, il fumo tende ad alterarla

Visto che trattiamo di tale argomento, ricordiamo (senza voler essere ipocriti) che il fumo è pericoloso e fa male non solo a noi ma a chi ci circonda. Diventa difficile smettere perché rappresenta una nostra piccola pausa, un distacco momentaneo per godersi a pieno i nostri momenti.
Sono molte però le mamme che decidono di smettere di fumare quando apprendono la notizia di una gravidanza, e questa è davvero una fortuna, perché i danni al bambino adesso sarebbero molteplici.
Gli scienziati dicono che da un recente studio è emerso che il fumo manda in crisi il controllo della pressione sanguigna del bambino e questo potrebbe addirittura portare a casi di morte poco dopo la nascita.

Lo studio effettuato presso l’istituto Karolinksa di Stoccolma sembra quindi spiazzare le idee in merito alle sigarette, che sapeva essere pericolose, ma non pensavamo fino a questo punto.
Secondo i ricercatori i neonati delle mamme fumatrici presentano degli sbalzi di pressione e delle anomalie nel battito cardiaco.
Concretamente potrebbe capitare che mentre il neonato viene preso in braccio si verifichi in lui uno sbalzo di pressione, ciò va a relazionarsi con un precario controllo della pressione del sangue causato dal fumo materno.
Tentar di smettere per il bene del piccolo non è poi una richiesta così assurda.

Alessandra Battistini