Kingston University: perché lasciare il letto sfatto è una “sana” cattiva abitudine

Quella di lasciare il letto sfatto sarà pure un’abitudine anti-estetica ma è a prova di salute.

Lo hanno provato i ricercatori della Kingston University: lasciare il letto “all’aria” impedirebbe agli acari di riprodursi, tagliando loro le riserve di acqua di cui hanno bisogno e uccidendoli.

Un letto sarebbe capace, secondo le ricerche, di ospitare ben 1,5 milioni di acari della polvere lunghi neanche un millimetro: si alimentano di minuscole porzioni di pelle e producono allergeni che possono facilmente venir inalati nel sonno, pericolosi soprattutto per chi soffre di allergie.

Ma mentre questi minuscoli insetti trovano la condizione ideale per riprodursi nel calore e nell’umidità di un letto magari rifatto e coperto da lenzuola e calde coperte, avrebbero serie difficoltà a proliferare in un letto scoperto, in un letto asciutto, “all’aria”.

Ha spiegato il dottor Stephen Pretlove: “Sappiamo che gli acari possono sopravvivere solo sottraendo acqua all’atmosfera. Per farlo, usano piccole ghiandole poste sulla superficie del loro corpo. Una semplice abitudine come lasciare il letto sfatto durante il giorno elimina l’umidita’ dalle coperte e dal materasso, disidratando e uccidendo gli acari”.

Il calore, il riscaldamento, l’aereazione potrebbero quindi essere tutti fattori determinanti: lo scopo della ricerca è ovviamente quello di capire come eliminare le cause di molte fastidiose allergie, partendo da piccoli accorgimenti quotidiani.

Martina Guastella