“Amici” resoconto puntata (01-02-2010 seconda parte). Le prove del serale

La squadra dei Bianchi fa mestamente ritorno in casetta. I ragazzi sono però meno tristi rispetto alla prima sconfitta subita: sono sicuri di essersi battuti come leoni. E i Blu festeggiano.

Pierdavide parla a nome di tutti e manifesta dispiacere per l’uscita di Stefanino, anche se come tutti ammette: “ce lo aspettavamo che non sarebbe stato salvato”.
È Emma la meno abbattuta, nonostante la sconfitta:, non si perde d’animo: “Io mi sento una leonessa lo stesso, ho perso con dignità!”.

Sul pullman della squadra avversaria i Blu festeggiano la vittoria, a loro dire, ‘meritata’. È il tenore Matteo che racconta le due prove che l’hanno visto stasera sul palco. Si dice soddisfatto delle sue esibizioni ne Il mare calmo della sera e O sole mio, e non gli si può dare torto.

Proprio su O sole mio sentiamo i giudizi degli insegnanti:
Grazia di Michele: “Ho trovato Matteo sensibile, molto bravo: era nel brano”;
Sergio La Stella: “Mi ha commosso”;
Ma la critica è buona anche per il suo antagonista Pierdavide:
G. D. M.: “Ho trovato Pierdavide molto particolare. Ha dato alla canzone una chiave intimista”;
S. L. S.: “Ha cantato con gusto. Ha trovato intelligenti soluzioni di tipo emotivo. Mi è piaciuto!”;
Carte: vince Pierdavide.
Grazia giustifica il voto col fatto che: “Il pubblico ha premiato l’originalità”, il preparatore del tenore non è d’accordo con il verdetto.

Si passa alla prova di ballo di Marco Garofalo. Borana è felice di aver vinto la sua prima sfida contro l’altra ballerina classica della scuola Grazia, sicuramente meno avvezza al genere pop del coreografo.
Marco Garofalo: “Borana è stata deliziosa, simpatica spigliata”;
Michele Villanova: “Carina in questo stile. Però ha raggiunto da tempo il suo limite. Non andrà oltre questo”;
Alessandra Celentano: “Mi è piaciuta; era spontanea, si vedeva che le piaceva ciò che stava facendo”;
Meno buona la critica verso l’altra ballerina di danza classica, anche se Villanova ha apprezzato:
M. V.: “Sono sorpreso. Si parlava di non versatilità, invece mi ha stupito. Ha portato a termine bene questa coreografia, era divertita e spontanea”;
M. G.: “Un po’ più rigida rispetto a Borana, non è un mondo che le può appartenere”;
A. C.: “Nonostante sia migliorata rispetto alle vecchie esibizioni con Garofalo, ho trovato la sua espressione sempre un po’ forzata, mai naturale”;
Carte: vince Borana.