Home Sport Basket NBA: Bargnani c’è, i Toronto Raptors volano

Basket NBA: Bargnani c’è, i Toronto Raptors volano

Non accenna a fermarsi il momento d’oro dei Toronto Raptors nel campionato di basket NBA. Sconfiggendo, sul parquet di casa dell’Air Canada Centre, gli Indiana Pacers col punteggio finale di 117-102, la franchigia canadese ottiene la sua quinta vittoria consecutiva e si conferma così una delle formazioni più in forma del momento in tutta la lega professionistica americana.
Gli uomini di coach Jay Triano hanno condotto le danze del match sin dal primo quarto, concluso avanti di 3 lunghezze, riuscendo progressivamente ad aumentare il proprio margine di vantaggio fino al convincente +15 dell’ultima sirena. Miglior realizzatore della gara, in maglia Raptors, Chris Bosh, autore di una sontuosa doppia doppia con 26 punti e 15 rimbalzi.

Ma la buona notizia per gli appassionati italiani è che, dopo il recente passaggio a vuoto di New York contro i Knicks, Andrea Bargnani sta rapidamente tornando ai suoi livelli. Il pivot romano è infatti il secondo miglior marcatore dei suoi, grazie ai 17 punti segnati e alle buonissime percentuali al tiro dal campo (6/10 da 2 e 1/2 dalla lunga distanza). Nel boxscore finale del Mago, anche 4 rimbalzi e 3 assist in 34 minuti di utilizzo.
Non sorride invece l’altro azzurro di Toronto. Marco Belinelli ha in questa occasione goduto di scarsa considerazione da parte del proprio allenatore: solo 14 i suoi minuti in campo, durante i quali non è mai riuscito a bucare la retina avversaria nonostante 4 tentativi al tiro da 3. Per il bolognese, zero punti e un morale da risollevare il prima possibile, in vista della seconda parte della stagione.

Seconda parte di stagione che si preannuncia assai complicata per i New York Knicks di coach D’Antoni e del nostro Danilo Gallinari. Sconfitti sul parquet di Minneapolis dai Minnesota Timberwolves col punteggio di 112-91, i rappresentanti della Grande Mela incappano nella loro terza battuta d’arresto di fila e vedono allontanarsi ancora di più le (già scarse) prospettive di qualificazione ai playoff.
Non bastano ai Knicks le buone prestazioni di Wilson Chandler – 27 punti – e dell’ala lodigiana: dopo 33 minuti di impiego, Gallinari sigla una brillante doppia doppia, 15 punti+10 rimbalzi, pagando però i troppi errori al tiro da fuori (1/7 da 3). New York resta così bloccata in classifica a quota 18 vittorie e 29 sconfitte. La post season sta sfumando quasi definitivamente; l’imperativo per il Gallo e compagni ora non può che essere ritrovare il prima possibile la via del successo, per cercare di concludere con dignità una annata di transizione.

Daniele Ciprari