Claudia Mori da Fazio: “Adriano aspetta la Rai”

Claudia Mori ospite ieri sera di Fabio Fazio a ‘Che tempo che fà’  su Raitre ha confessato che il ‘molleggiato’ tempo fa ha scritto un nuovo programma televisivo, per il quale ha già pronto anche un titolo e su questo progetto aspetta una risposta da parte della Rai. Spiega la Mori la precedente direzione aveva chiesto ad Adriano Celentano di tornare in tv.

“Lui ha scritto il programma e c’è il titolo – ha spiegato la moglie – ma i nuovi non hanno risposto”. I “nuovi” sarebbero chiaramente la nuova dirigenza Rai. Che Del Noce lo volesse di nuovo, dopo ‘La situazione di mia sorella’,era cosa nota, forse non esaltante come l’ottimo Rockpolitick,ma straordinario in termini di ascolti: oltre nove milioni. L’annuncio del rientro del molleggiato in Rai doveva essere prima in autunno 2009. Poi addirittura anticipato in primavera del 2009. Poi si disse che Adriano sarebbe tornato in televisione, ma su SKY. Poi, dopo il nulla di fatto, spuntava di nuovo la Rai, ad aprile. Infine, il no definitivo, e lo spiraglio sulle trattative.

Claudia Mori ha anche presentato la fiction ‘C’era una volta la città dei mattì che lei ha prodotto e che sarà in onda su Raiuno il 7 e l’8 febbraio.
“All’anteprima al Petruzzelli – ha spiegato – ha avuto venti minuti di applausi e speriamo che venga promossa bene dalla Rai. Di spot ne ho visti pochini“.Produrre un lavoro sulla legge Basaglia “che è giusta ma in gran parte è stata applicata male – ha spiegato Mori – è stata una scelta civile”.
Claudia Mori ha anche accennato alla lettera scritta dal marito al Corriere della Sera sul processo breve che ha detto di non aver letto prima della pubblicazione.
E ha aggiunto di essere sicura che il cantante “non potrebbe mai fare politica perchè è un uomo troppo libero e poi è un pò pericoloso. È un ribelle vero, un irregolare”.”Non ha niente di regolare, neanche la scogliosi“. Sui 48 anni di storia vissuti insieme, due di fidanzamento e 46 di matrimonio, Claudia Mori sta anche dedicando un libro.”Scriverò malissimo – ha detto – ma voglio raccontare la nostra storia, che non è normalissima“.

Eleonora Teti