Haiti, suscitano polemica foto di medici portoricani ad una festa

Il presidente del Senato di Puerto Rico, Thomas Rivera Schartz, ha manifestato oggi profonda indignazione per alcune foto “dure e insensibili” in cui compaiono alcuni medici portoricani, inviati a Haiti per questioni umanitarie, mentre partecipano ad una fiesta.  Bebendo, fumando e portando armi da fuoco.
Le foto furono diffuse in Facebook– con il titolo di “umiliante serie di fotografie delle disgrazie di Haiti”- e in seguito pubblicate dai media portoricani.
Le immagini mostrono dei medici appartenenti al gruppo “Salviamo Haiti” che alzano sorridenti dei bicchieri e delle bottiglie di vino e wisky, ed altri, sempre sorridenti, che impugnano armi prestate da soldati domenicani. Altre istantane riprendono uno dei partecipanti alla “festa” mentre mostra all’obiettivo una sega, che si presume utilizzerà per realizzare un’amputazione. In altre ancora ,si vedono haitiani seminudi con alcuni dei membri mutilati.
Rivera Schatz  ha detto di sentirsi sconvolto per le immagini del gruppo di 170 medici che attraversarono la frontiera fra Repubblica Domenicana e Haiti per aiutare alle vittime del terremoto. “Cercheremo i nomi, gli indirizzi e i telefoni dei medici che compaiono nelle foto e li daremo alla stampa perchè si possano spiegare”, ha affermato Schatz. Ed ha inoltre aggiunto che farà in modo che il Governo domenicano possa accertare le responsabilità dei militari che “prestarono” le armi ai medici.
Il presidente dell’Ordine dei Medici chirurgici di Puerto Rico, Eduardo Ibarra, ha fatto sapere che il Comitato di Etica dell’organizzazione studia adottare misure contro le persone che appaiono nelle foto, fra le quali ci sono anche dei volontari.
“È patetico” – ha detto Ibarra – “speriamo che abbiano una spiegazione. Che possano dire che la festa si organizzò dopo 48 ore continuate di lavoro, o qualcosa che si possa comprendere”. “È molto triste  quanto sta passando e il danno che questo può causare all’immagine di Puerto Rico all’estero”.
Annastella Palasciano