Home Cultura Laurea? Pass sicuro per il matrimonio

Laurea? Pass sicuro per il matrimonio

Mentre negli anni ’50 le donne con un alto titolo di studio erano maggiormente restie al matrimonio, ora la situazione sembra esserzi stabilizzata, anzi, sono le dottoresse a riuscire a mantenere l’unione più salda rispetto alle altre “mogli”.
A scoprire questo, una ricerca effettuata da Betsey Stevenson e Adam Isen dell’università della Pennsylvania per l’associazione Council on Contemporary Families: ha preso in esame i dati sui matrimoni negli Usa dagli anni ’50 ad oggi. ‘ E curioso il motivo per il quale accingono allo studio sociale:

“Oggi non è inusuale che le nonne consiglino alle nipoti di lasciar perdere l’università e trovarsi un uomo – spiega l’autrice – e volevo dimostrare che questo non è solo un luogo comune”.

Le laureate sono molto più soddisfatte della vita nuziale rispetto alle colleghe e le indagini dimostrano che andando avanti con l’età è più alta la percentualità che si sposino le laureate che le ragazze senza titoli di studio. Ma perchè?

“Questo e’ dovuto non solo al fatto che si sposano più tardi – conferma Stevenson – ma anche dal tasso di divorzi, che è minore tra le laureate rispetto alle altre. Anche il tasso di felicità è maggiore per le prime, 67% contro il 60″

Per quanto riguarda l’Italia però ci sono delle differenze sostanziali nelle percentuali di matrimoni tra laureate e non; a spiegarlo è Rossella Palomba, ricercatrice dell’istituto di Ricerca sulla Popolazione e le Politiche Sociali del Cnr:
“la tendenza da noi è all”omogamià, cioé a sposare persone dello stesso livello culturale, ma da noi le donne sono il 57% dei laureati, quindi in numero maggiore degli uominì”.
Questo è visibile anche sui tassi di divorzio: come confermano i dati Istat  il rapporto Separazioni-divorzi ha messo in luce che circa metà dei matrimoni che finiscono è fra laureati, una tendenza che negli ultimi 10 anni è in ascesa, anche se meno rispetto a quelli degli altri gruppi.

“Da noi le coppie culturalmente più elevate divorziano di più – conferma Palomba – riguardo all’attitudine al matrimonio però bisogna dire che non c’é nessuna differenza a seconda del titolo di studio“.

Fortunatamente in Italia il desiderio di sposarsi ancora non manca.

Ilaria Salzano