Home Spettacolo Gossip Morgan contro Max

Morgan contro Max

Le smentite dell’ex cantante dei Bluvertigo, Morgan, dopo l’intervista rilasciata in esclusiva per Max, riguardo il suo uso di sostanze stupefacenti, tipo la cocaina, vengono prontamente controsmentite dal direttore della rivista stessa, Andrea Rossi, il quale, oltre a difendere il mensile e il giornalista incriminato, afferma: “Sono altrettanto sconcertato e amareggiato dalle parole di Morgan.? L’intervista non è stata per nulla carpita e tanto meno è stata tesa una trappola. Il servizio, in lavorazione da tempo, è stato pienamente concordato. Il giornalista autore dell’intervista, Raffaele Panizza, ha registrato circa due ore di conversazione avvenuta comodamente a casa dell’artista, così come lui desiderava. Inoltre l’articolo è corredato da un bellissimo servizio fotografico realizzato per l’occasione, in esclusiva per Max, da Maki Galimberti”.

L’intervista, salvo ulteriori complicazioni, dovrebbe uscire con il prossimo numero del 4 febbraio, ma per ora restano un’infinità di incertezze e perplessità riguardo situazioni tipo quelle che si sono verificate con un Morgan, prima entusiasta di rilasciare determinate dichiarazioni, poi pentito e desideroso di rifarsi nei confronti di una stampa onesta e assolutamente veritiera. In questo momento però la situazione resta in bilico, perché è vero che da un  lato il signor Rossi ha affermato di possedere delle registrazioni schiaccianti, ma dall’altro sembra impossibile che Morgan si sia infilato in una simile situazione così scomoda.

A questo punto non ci resta che attendere ulteriori sviluppi sul caso, perché comunque andranno le cose non sarebbe affatto giusto nei confronti di nessuno schierarsi dalla parte di uno, piuttosto che dell’altro. Tuttavia, siamo molto curiosi di vedere chi dei due mente: se fosse il cantante, verrebbe a trovarsi in una situazione pessima sia a livello artistico, che sociale, se invece fosse il direttore di Max, non ne trarrebbe alcun vantaggio la rivista. Come credete finirà questa vicenda? E soprattutto, chi ne uscirà più pulito?

Alice Sommacal

Comments are closed.