Home Sport Basket NBA: Bargnani e Belinelli stratosferici, ma Toronto va ko

Basket NBA: Bargnani e Belinelli stratosferici, ma Toronto va ko

55 punti in due. La premiata ditta tutta azzurra Bargnani-Belinelli fa stropicciare gli occhi agli appassionati italiani al termine della notte NBA, ma paradossalmente la prestazione da cineteca dei nostri cestisti non coincide con la sesta vittoria consecutiva dei Toronto Raptors.
Dopo le recenti 5 affermazioni, la franchigia canadese esce infatti sconfitta dal parquet di Indianapolis, dove i padroni di casa degli Indiana Pacers conquistano il successo col punteggio finale di 130-115, al termine di un match nel quale le difese non hanno di certo fatto la parte del leone.

I Raptors sbarcano alla Conseco Fieldhouse in formazione rimaneggiata per le assenze di Turkoglu e DeRozan, forfait che convincono coach Jay Triano a lanciare Marco Belinelli nel quintetto titolare. Il bolognese ripaga il suo allenatore con un primo quarto da favola: 14 i punti messi a segno dalla guardia ex-Fortitudo nei primi 12′ di gioco, che Toronto chiude avanti 34-32.
L’illusione di una nuova vittoria svanisce però già nel corso della seconda frazione. La difesa dei canadesi balla decisamente più del lecito, subendo – a cavallo tra secondo e terzo quarto – la bellezza di 68 punti, con i Pacers capaci di arrivare al massimo vantaggio sul +20, nonostante Andrea Bargnani si renda protagonista di uno show personale da ricordare. 19 dei 33 punti messi a segno da Toronto nella terza frazione portano infatti la firma d’autore del Mago ex-Benetton.

Negli ultimi 12′, ad Indiana – sospinta dall’efficace regia di Earl Watson e dai canestri del solito Danny Granger – non resta che controllare senza eccessivi patemi il margine di vantaggio sugli avversari per portare a casa un successo alla vigilia insperato, vista la differente situazione di classifica e di forma delle due compagini.
Tutti a casa sul 130-115, e per i Raptors il principale motivo di riflessione non può che riguardare l’organizzazione difensiva: 130 punti subiti appaiono uno sproposito, specialmente per una squadra con decise ambizioni di playoff. I Pacers chiudono con ben 7 elementi in doppia cifra, tra cui spiccano i 23 punti di Granger e la doppia doppia (20+14 rimbalzi) di Troy Murphy.

Il miglior realizzatore di Toronto è sempre Chris Bosh, che ai suoi 35 punti aggiunge a referto anche 15 rimbalzi, ma la copertina non può che essere tutta riservata ai nostri. Andrea Bargnani mette a segno il suo career high nella NBA iscrivendo a referto 34 punti in 36 minuti, frutto di buonissime percentuali al tiro dal campo (10/15 da 2 e 4/6 da 3).
Serata da ricordare anche quella di Belinelli, che festeggia l’approdo nello starting five chiudendo a quota 21 punti con un eccellente 3/4 al tiro dalla lunga distanza, a cui vanno aggiunti anche 5 rimbalzi e 2 assist in 33 minuti di utilizzo. I Raptors restano fermi a 26 vittorie stagionali – a fronte di 23 battute d’arresto – ma niente è compromesso nel cammino verso la post season.

Daniele Ciprari

Comments are closed.