Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica Proposta shock: finanziamo la scuola coi gratta e vinci

Proposta shock: finanziamo la scuola coi gratta e vinci

I docenti dell’istituto tecnico professionale “Attilio Odero” di Sestri Ponente, area industriale di Genova, hanno lanciato una provocazione contro i tagli promessi dai ministri Gelmini e Tremonti ai danni della scuola pubblica.
Ottanta professori, infatti, hanno deciso, a margine di una assemblea regionale che ha prodotto un documento, firmato anche dal presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, contro i tagli del Governo, di investire un euro a testa per creare un “fondo gratta e vinci”.
L’obiettivo è quello di imbattersi in un tagliando milionario per rimpire le casse vuote dell’istituto. Purtroppo per loro, però, ad oggi sono riusciti a vincere solamente 17euro.

L’insofferenza di studenti, docenti e personale ATA nei confronti di questo Governo cresce, d’altronde, ogni giorno di più.
Dopo i tagli, annunciati nell’estate del 2008, che entreranno in vigore a partire dal prossimo anno grazie alle mobilitazioni dell’Onda che, prima di disperdersi, riuscì a posticiparli di un anno, l’esecutivo di Berlusconi ha infatti prodotto altri provvedimenti distruttivi: il licenziamento di migliaia di precari con conseguenze drammatiche per moltissimi istituti, l’apertura alla privatizzazione della scuola pubblica con il ddl Aprea, la rimozione della geografia dai piani di studio di centinaia di migliaia di studenti e studentesse, una riforma delle scuola superiori che, in nome del risparmio a tutti i costi, ha tagliato le gambe a tutte le sperimentazioni e ha mandato nel caos le iscrizioni per il prossimo anno scolastico.

I Cobas, intanto, hanno annunciato lo sciopero generale del settore scuola per il prossimo 12 marzo, con un corteo che da Piazza della Repubblica si snoderà fino a Trastevere, sotto la sede del ministero dell’Istruzione.
Per la stessa giornata, inoltre, dovrebbe essere confermato lo sciopero generale di quattro ore della Cgil, annunciato dal segretario Guglielmo Epifani lo scorso 26 gennaio.

Mattia Nesti

Comments are closed.