Home Sport Sci, morte choc di Janko Ehrlich: l’ ipotesi è il suicidio

Sci, morte choc di Janko Ehrlich: l’ ipotesi è il suicidio

La notizia è rimbombata come un boomerang ed i media hanno riportato il terribile avvenimento nella giornata di oggi. Sarebbero ancora tutte da chiarire le cause del decesso dell’ atleta azzurro, specializzato nella disciplina di salto con gli sci, Janko Ehrlich trovato esanime a Berlino, nella notte a cavallo tra lunedì e martedì. L’ ex nazionale italiano si era recato nella capitale tedesca da circa un mese per svolgere la sua nuova attività all’ interno di un’ impresa di metanodotti, lavoro che aveva voluto e trovato e rappresentava un sicuro sbocco professionale, dopo gli anni di università che gli avevano permesso di laurearsi nella facoltà di Giurisprudenza.

Le autorità alemanne non si sono ancora espresse sulle possibili cause della morte e resta il dubbio tra un decesso per cause naturali, ricordiamo che Janko aveva solo 29 anni, o per suicidio, ipotesi che si fa sempre più strada e solo tra qualche giorno, dopo gli idonei accertamenti del caso potrà essere avvalorata. Il dramma di una morte cercata dallo stesso sportivo non trova però basi o presupposti; dopo la scomparsa di entrambi i genitori, Ehrlich era da poco diventato zio e proprio alla sorella Sara ha lasciato un biglietto, il cui contenuto non è stato reso pubblico, poco prima del gesto fatale.

L’ esame autoptico, di regola in casi analoghi a questo, quando ci si trova innanzi ad una morte misteriosa, non è stato disposto e si attende il rimpatrio in Italia della salma per procedere ai funerali. Janko ha iniziato la sua attività sportiva nel 1990, ad appena 10 anni praticando lo sci con salto nello Sci Cai Montelussari; dopo appena cinque anni, era evidente il suo talento verso questa disciplina ed è approdato così alla nazionale italiana giovanile con la quale disputa due campionati mondiali juniores che lo portano a conquistare un 23esimo posto nella kèrmesse di Gagnon nel 1996 ed un anno più tardi un brillante settimo posto a Calgary.

Nel 2006, ha dato il suo contributo come commentatore tecnico alla Rai delle gare di salto con gli sci per le Olimpiadi invernali svoltesi a Torino. Manifestando una personalità vivace ed eclettica, nel 2007 si è candidato alla carica di sindaco di Tarvisio, svolgendo la funzione di consigliere comunale della cittadina friulana.

Gionata Cerchiara