Home Cultura Al via la campagna “Per il tuo cuore”, obiettivi di aiuto alla...

Al via la campagna “Per il tuo cuore”, obiettivi di aiuto alla ricerca

 

Ogni cuore si ammala a suo modo, così come soprattutto ogni cuore reagisce in modo diverso ai vari fattori di rischio, prima di ammalarsi, e alle terapie. In questo contesto parte la campagna “Per il tuo cuore” dall’8 febbraio , una settimana dedicata alla raccolta di fondi per la ricerca sulle malattie cardiovascolari, e che si pone come obiettivo di dare gli strumenti ai “cardiologi-detective” al fine di studiare i casi “inusuali” ed elaborare quindi percorsi di prevenzione e terapie sempre più ad hoc.

Nel periodo della campagna che va dall’8 al 14 febbraio si potranno fare donazioni tramite sms; inoltre compare in prima fila la Rai con molti spot ed una serie di spazi dedicati all’avvenimento. La campagna è stata difatti presentata questa mattina nella sede Rai di Viale Mazzini, con la presenza seppure per poco (a causa del Cda in corso) del Presidente e del Dg della Rai Paolo Garimberti e Mauro Masi, e con il ministro per la Salute Ferruccio Fazio, il professore Attilio Maseri, presidente della fondazione Onlus “Per il tuo cuore” e Bruno Vespa, Luciano Onder e Pippo Baudo.

Stando a quanto riferito da Garimberti questa è un’iniziativa importante, poichè si vuole mostrare come la Rai sia solidale e attenta con tutto quello che riguarda la ricerca ed in particolare quella medica. Fazio ha ricordato come dal 1975 al 2000 la mortalità per malattie cardiovascolari si sia ridotta di un terzo; e questo grazie alla prevenzione e alla ricerca sui fattori di rischio.

Quindi dall’8 al 14 febbraio ci sarà la possibilità di donare 2 euro grazie ad un sms al numero 48545, e nello stesso periodo la Rai concederà ampio spazio a momenti e spot per la campagna nel corso dei programmi fino alla maratona Radio televisiva il 12, 13 e soprattutto il 14 febbraio. L’iniziativa “Per il tuo cuore” si svolge sotto l’Alto patronato del Capo di Stato, il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri, del ministero della Salute e della Rai.

Rossella Lalli